Home
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali



Legge e giustizia è un periodico di informazione giuridica
realizzato in collaborazione con
 
  
Lancio del 14 ottobre 2014

LA SUPREMA CORTE SI PRONUNCIA SUL RITO FORNERO - Mancanza di formalità e di meccanismi preclusivi nella prima fase del giudizio (Cassazione Sezione Unite Civili n. 19674 del 18 settembre 2014, Pres. Rovelli, Rel. Amoroso).


 
IL DIRETTORE DI UNA CARICA STATUTARIA PUO' ESSERE RITENUTO DIPENDENTE DELL'ENTE - Con mansioni dirigenziali (Cassazione Sezione Lavoro n. 18476 del 1 settembre 2014, Pres. Miani Canevari, Rel. Ghinoy).


 
E' NULLA LA CLAUSOLA DI UN BANDO DI CONCORSO PER ASSUNZIONE CHE RISERVI ALL'AMMINISTRAZIONE LA FACOLTA' DI NON ASSEGNARE IL POSTO AL VINCITORE - Condizione meramente potestativa (Cassazione Sezione Lavoro n. 20735 del 1 ottobre 2014, Pres. Roselli, Rel. Maisano).


 
SUBORDINAZIONE DELLA TERMINALISTA ADDETTA A UN'AGENZIA DI SCOMMESSE - Prestazione ripetitiva (Cassazione Sezione Lavoro n. 20367 del 26 settembre 2014, Pres. Macioce, Rel. Berrino).


 
COSTITUISCE INFRAZIONE DISCIPLINARE PER UN PUBBLICO UFFICIALE ACCETTARE L'OMAGGIO DI DUE MAGLIONI - In base al contratto collettivo (Cassazione Sezione Lavoro n. 20461 del 29 settembre 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Maisano).


 
E' NULLA LA CLAUSOLA DEL CNLG CHE CONSENTE DI LICENZIARE IL GIORNALISTA PRIMA DEL RAGGIUNGIMENTO DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA - Ovvero prima dei 65 anni (Cassazione Sezione Lavoro n. 21002 del 6 ottobre 2014, Pres. Macioce, Rel. Berrino).


 
E' NULLA LA CLAUSOLA CONTRATTUALE CHE STABILISCA UNA RETRIBUZIONE INFERIORE A QUELLA PREVISTA DALL'ART. 36 DELLA COSTITUZIONE - Il Giudice deve provvedere all'adeguamento (Cassazione Sezione Lavoro n. 20356 del 26 settembre 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Mammone).


 
LE REGOLE SULLA RESPONSABILITA' DEL GIORNALISTA PER AVER RIPORTATO AFFERMAZIONI DI ALTRI - Interesse pubblico e terzietà (Cassazione Sezione Terza Civile n. 19152 dell'11 settembre 2014, Pres. Amatucci, Rel. Rossetti).


 
NEL RICORSO PER CASSAZIONE IL RISPETTO DELLA CHIAREZZA E DELLA SINTETICITA' ESPOSITIVA RAPPRESENTA L'ADEMPIMENTO DI UN DOVERE PROCESSUALE - Inutile la riproduzione dell'intero contenuto di atti (Cassazione Sezione Lavoro n. 20589 del 30 settembre 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Tria).


 
FINALITA' PRINCIPALE DELLA NORMATIVA SUI TRASFERIMENTI E' QUELLA DI TUTELARE LA DIGNITA' DEL LAVORATORE - Anche quando lo spostamento avvenga in ambito geografico ristretto (Cassazione Sezione Lavoro n. 20600 del 30 settembre 2014, Pres. Stile, Rel. Tria).


 
Lancio del 30 settembre 2014

FALSI ARGOMENTI PER LA CROCIATA CONTRO L'ARTICOLO 18 - Allarmismo per una inesistente ingerenza del Giudice nella gestione delle aziende.


 
ALLA BASE DELLA RESPONSABILITA' PER MOBBING LAVORATIVO SI PONE NORMALMENTE L'ART. 2087 COD. CIV. - Obbligo di tutelare la personalità del lavoratore (Cassazione Sezione Lavoro n. 19782 del 19 settembre 2014, Pres. Roselli, Rel. Tricomi).


 
NELLA COMUNICAZIONE DI AVVIO DELLA PROCEDURA DI MOBILITA' SI DEVONO SPECIFICARE I PROFILI PROFESSIONALI DEL PERSONALE ECCEDENTE - Non basta l'indicazione generica delle categorie (Cassazione Sezione Lavoro n. 16143 del 15 luglio 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Maisano).


 
L'INDENNITA' ONNICOMPRENSIVA DOVUTA AL LAVORATORE NEI CASI DI CONVERSIONE DEL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO HA UNA CHIARA VALENZA SANZIONATORIA - E' dovuta anche in mancanza di danno (Cassazione Sezione Lavoro n. 16097 del 14 luglio 2014, Pres. Miani Canevari, Rel. Nobile).


 
NELLE CAUSE PER DEMANSIONAMENTO IL LAVORATORE E' TENUTO A UNA SPECIFICA ALLEGAZIONE DELLA NATURA E DELLE CARATTERISTICHE DEL DANNO SUBITO - Che può essere provato per presunzioni (Cassazione Sezione Lavoro n. 15848 del 10 luglio 2014, Pres. Stile, Rel.Maisano).


 
LE DIFFERENZE DI RETRIBUZIONE ACCERTATE IN GIUDIZIO DEVONO ESSERE CORRISPOSTE AL LORDO DELLE RITENUTE - Sia fiscali che previdenziali (Cassazione Sezione Lavoro n. 16489 del 18 luglio 2014, Pres. Roselli, Rel. Ghinoy).


 
E' NECESSARIA UNA VALUTAZIONE CRITICA DELLA PROVA - Il Giudice non può limitarsi a definirla convincente (Cassazione Sezione Lavoro n. 19783 del 19 settembre 2014, Pres. Roselli, Rel. Tricomi).


 
ALL'UFFICIALE GIUDIZIARIO PUO' ESSERE RICHIESTA LA RIPRESA DEL PROCEDIMENTO NOTIFICATORIO - Entro un termine ragionevole (Cassazione Sezione Lavoro n. 12813 del 6 giugno 2014, Pres. Stile, Rel. Venuti).


 
LA MANCANZA DI MOTIVAZIONE E' CENSURABILE IN CASSAZIONE COME VIOLAZIONE DI LEGGE - In base all'art. 132 c.p.c. (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 19881 del 22 settembre 2014, Pres. Rovelli, Rel. Petitti).


 
L'ABUSO DEL PROCESSO CIVILE CONTRASTA CON I PRINCIPI DI CORRETTEZZA E BUONA FEDE - Nozione comune (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 16627 del 22 luglio 2014, Pres. Rovelli, Rel. Di Iasi).


 
Lancio del 16 settembre 2014

L'ASSISTENTE AI PROGRAMMI CHE PARTECIPA ALLA PRODUZIONE DELL'INFORMAZIONE PROVVEDENDO ALLA RACCOLTA E ALL'ELABORAZIONE DELLE NOTIZIE HA DIRITTO AL TRATTAMENTO PREVISTO DAL CONTRATTO GIORNALISTICO - Anche se non è iscritto all'Albo professionale (Cassazione Sezione Lavoro n. 15436 del 7 luglio 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Bronzini).


 
L'AZIENDA NON PUO' RICHIEDERE AL GIUDICE L'ACCERTAMENTO DELLA LEGITTIMITA' DI UN LICENZIAMENTO PRIMA DI INTIMARLO - Non è consentita una valutazione preventiva (Cassazione Sezione Lavoro n. 14756 del 30 giugno 2014, Pres. Roselli, Rel. Venuti).


 
I DIPENDENTI DI IMPRESE APPALTATRICI DI LAVORI PUBBLICI POSSONO RECUPERARE I LORO CREDITI AZIONANDO LA NORMATIVA SPECIALE - E, in via residuale l'art. 1676 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 15432 del 7 luglio 2014, Pres. Vidiri, Rel. Tria).


 
AI FINI DELLA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEL RAPPORTO IL GIUDICE DEVE ATTRIBUIRE VALORE PREVALENTE AL COMPORTAMENTO DELLE PARTI - Indisponibilità del tipo contrattuale (Cassazione Sezione Lavoro n. 18476 del 1 settembre 2014, Pres. Miani Canevari, Rel. Ghinoy).


 
OBBLIGO PER L'AZIENDA DI PROVVEDERE ALLA FORMAZIONE DEL LAVORATORE IN MATERIA DI ANTINFORTUNISTICA - Non è escluso dal personale bagaglio di conoscenze del dipendente (Cassazione Sezione Quarta Penale n. 21242 del 26 maggio 2014, Pres. Brusco, Rel. Dovere).


 
IL PATTO DI CONGLOBAMENTO DEL COMPENSO PER LAVORO STRAORDINARIO E' VALIDO SE RISPETTA I DIRITTI INDEROGABILI DEI LAVORATORI - Controllo del Giudice (Cassazione Sezione Lavoro n. 14541 del 26 giugno 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Lorito).


 
LIMITI ALLA PUBBLICAZIONE DELLE FOTO DI PERSONE IN STATO DI DETENZIONE - Previsti dal codice deontologico dei giornalisti (Cassazione Sezione Terza Civile n .12834 del 6 giugno 2014, Pres. Amatucci, Rel. Rubino).


 
NEL RICORSO PER CASSAZIONE DEVE ESSERE INDICATA LA COLLOCAZIONE DEI DOCUMENTI CUI SI FA RIFERIMENTO - In base all'art. 366 c.p.c.. (Cassazione Sezione Lavoro n. 16137 del 15 luglio 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Amendola).


 
L'ECCESSIVO FORMALISMO LEDE IL DIRITTO DI DIFESA NEL PROCESSO DEL LAVORO - Rilevanza dello scopo perseguito (Cassazione Sezione Lavoro n. 16134 del 15 luglio 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Tria).


 
ONERE DI SPECIFICA ALLEGAZIONE DEI FATTI - Nel rito ordinario e nel processo del lavoro (Cassazione Sezione Lavoro n. 15527 dell'8 luglio 2014, Pres. Vidiri, Rel. Napoletano).


 

Area utenti






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Ricerca

Preferiti dagli utenti