Home
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali



Legge e giustizia è un periodico di informazione giuridica
realizzato in collaborazione con
 
  

Dopo la sospensione per le vacanze di Pasqua
i lanci di Legge e Giustizia riprenderanno
martedì 29 aprile 2014.
Tanti auguri a tutti i visitatori. 

 

Lancio dell'8 aprile 2014

LETTERA A RENZI: LABOUR IS NOT A COMMODITY


 
NEL PUBBLICO IMPIEGO NON SI APPLICA LA TUTELA DELLA PROFESSIONALITA' SPECIFICA, PREVISTA DALL'ART. 2103 C.C. - In materia di cambiamento di mansioni (Cassazione Sezione Lavoro n. 7106 del 26 marzo 2014, Pres. Vidiri, Rel. Balestrieri).


 
IL PRINCIPIO DELLA PARITA' DI TRATTAMENTO NEL PUBBLICO IMPIEGO NON PRECLUDE LE DIFFERENZIAZIONI OPERATE DAI CONTRATTI COLLETTIVI - In ragione di specifiche situazioni (Cassazione Sezione Lavoro n. 6842 del 24 marzo 2014, Pres. Vidiri, Rel. Marotta).


 
IL DIPENDENTE, DI FATTO, DI UN ENTE PUBBLICO HA DIRITTO AL TRATTAMENTO ECONOMICO PER LE MANSIONI SVOLTE - Anche se non assunto per concorso (Cassazione Sezione Lavoro n. 7376 del 28 marzo 2014, Pres. Vidiri, Rel. Marotta).


 
IL LAVORATORE, PER CONTESTARE DI AVER RICEVUTO LA COMUNICAZIONE DEL LICENZIAMENTO, PUO' PROVARE CHE LA BUSTA RECAPITATAGLI ERA VUOTA - Si applica l'art. 1335 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 6845 del 24 marzo 2014, Pres. Stile, Rel. Buffa).


 
IN CASO DI MANCATA PROMOZIONE IL LAVORATORE, PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA PERDITA DI CHANCES, PUO' FARE RICORSO A PRESUNZIONI E AL CALCOLO DELLE PROBABILITA' - Per una valutazione equitativa (Cassazione Sezione Lavoro n. 6951 del 25 marzo 2014, Pres. Vidiri, Rel. Garri).


 
LA SCELTA DEL DIRIGENTE DI SECONDO LIVELLO, NEL RUOLO SANITARIO, E' SINDACABILE PER VIOLAZIONE DELLE REGOLE DI CORRETTEZZA E DEL DIVIETO DI DISCRIMINAZIONE - A fini risarcitori (Cassazione Sezione Lavoro n. 7107 del 26 marzo 2014, Pres. Stile, Rel. Balestrieri).


 
IN CASO DI MOBILITA' DEI DIPENDENTI DI ENTI PUBBLICI, IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO VA DETERMINATO SECONDO LA DISCIPLINA DELL'ENTE DI DESTINAZIONE - In base alla L. n. 554 del 1988 (Cassazione Sezione Lavoro n. 6953 del 25 marzo 2014, Pres. Vidiri, Rel. Amoroso).


 
LE POSSIBILITA' DI SOPRAVVIVENZA DEL PAZIENTE SONO RILEVANTI AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL DANNO DERIVANTE DA INTERVENTO CHIRURGICO - Per perdita di chances (Cassazione Sezione Terza Civile n. 7195 del 27 marzo 2014, Pres. Carleo, Rel. Barreca).


 
IL MAGISTRATO INGIUSTAMENTE ATTACCATO PER IL SUO OPERATO PUO' FAR RICORSO, PER DIFENDERSI, AD INTERVISTE E COMUNICATI STAMPA - Adempimento di un dovere (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 6827 del 24 marzo 2014, Pres. Rovelli, Rel. Di Amato).


 
ONERE DELLA PROVA SULL'APPLICAZIONE DEI CRITERI DI SCELTA IN CASO DI LICENZIAMENTO COLLETTIVO - (Cassazione Sezione Lavoro n. 6057 del 14 marzo 2014, Pres. Miani Canevari, Rel. Bandini).


 
L'ADDEBITO DISCIPLINARE DEVE ESSERE CONTESTATO IMMEDIATAMENTE - Non appena i fatti appaiano ragionevolmente sussistenti (Cassazione Sezione Lavoro n. 6715 del 21 marzo 2014, Pres. Miani Canevari, Rel. Venuti).


 
LA VIOLAZIONE DA PARTE DEL GIUDICE DEL DOVERE DI ASTENSIONE NON INCIDE SULLA SUA CAPACITA' - Pertanto non costituisce causa di nullità generale (Cassazione Sezione Seconda Penale n. 11843 del 12 marzo 2014, Pres. Esposito, Rel. Beltrani).


 
NELLA LIQUIDAZIONE DEL DANNO NON PATRIMONIALE ALLA PERSONA DEVE APPLICARSI IL PRINCIPIO DELLA ONNICOMPRENSIVITA' - Considerazione complessiva dei pregiudizi (Cassazione Sezione Terza Civile n. 4078 del 20 febbraio 2014, Pres. e Rel. Amatucci).


 
Lancio del 25 marzo 2014

NEL PROCESSO PENALE LE DICHIARAZIONI DELLA PERSONA OFFESA POSSONO ESSERE SUFFICIENTI ALLA CONDANNA DELL'IMPUTATO - Previa rigorosa verifica (Cassazione Sezione Quinta Penale n. 8372 del 21 febbraio 2014, Pres. Oldi, Rel. Sabeone).


 
NULLITA' DELLA NORMA DEL CNLG CHE PREVEDEVA LA POSSIBILITA' DI LICENZIARE IL GIORNALISTA PRIMA DEL COMPIMENTO DEI 65 ANNI - In base all'art. 4 della Legge n. 108/90 (Cassazione Sezione Lavoro n. 6047 del 14 marzo 2014, Pres. Stile, Rel. D'Antonio).


 
LA PERDITA DELLA VITA E' UN DANNO NON PATRIMONIALE RISARCIBILE - RICHIESTA DI RIMESSIONE ALLE SEZIONI UNITE PER CONTRASTO DI GIURISPRUDENZA -

(Cassazione Sezione Terza Civile  sentenza n. 1361 del 23 gennaio 2014, Pres. Russo, Rel. Scarano e ordinanza n. 5056 del 4 marzo 2014, Pres. Russo, Rel. Travaglino)



 
AL PERSONALE ARTISTICO DEGLI ENTI LIRICI SI APPLICA LA DISCIPLINA DI LEGGE GENERALE IN MATERIA DI ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO - Possibilità di conversione in rapporto a tempo indeterminato (Cassazione Sezione Lavoro n. 5748 del 12 marzo 2014, Pres. Stile, Rel. Doronzo).


 
IL SEQUESTRO CAUTELARE DI UN BLOG IN SEDE PENALE PUO' ESSERE RITENUTO ILLEGITTIMO SE INCIDE SUL DIRITTO DI LIBERTA' DI MANIFESTAZIONE DEL PENSIERO - Tutelato dall'art. 21 della Costituzione (Cassazione Sezione Quinta Penale n. 11895 del 12 marzo 2014, Pres. Dubolino, Rel. Lignola).


 
E' ILLEGITTIMO IL LICENZIAMENTO DISCIPLINARE SE PER L'INFRAZIONE IL CONTRATTO COLLETTIVO PREVEDE UNA SANZIONE MENO GRAVE - In base all'art. 2119 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 6222 del 18 marzo 2014, Pres. e Rel. Miani Canevari).


 
LE SOMME VERSATE IN BASE A UNA TRANSAZIONE FRA L'AZIENDA E IL DIPENDENTE POSSONO ESSERE ASSOGGETTATE AI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI - Il titolo formale non vincola il giudice (Cassazione Sezione Lavoro n. 6037 del 14 marzo 2014, Pres. Stile, Rel. Blasutto).


 
L'ATTIVITA' DEL MONTATORE DI IMMAGINI HA NATURA GIORNALISTICA SE NON SI LIMITA ALLA MERA ESPOSIZIONE DELLE IMMAGINI RACCOLTE - Deve concretarsi in un messaggio (Cassazione Sezione Terza Civile n. 5794 del 13 marzo 2014, Pres. Segreto, Rel. Stalla).


 
NEI GIUDIZI RELATIVI ALL'EQUA RIPARAZIONE PER DURATA NON RAGIONEVOLE DEL PROCESSO E' AMMESSA LA CONCESSIONE DI UN NUOVO TERMINE PER LA NOTIFICA DEL RICORSO - Diritto di difesa (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 5700 del 12 marzo 2014, Pres. Santacroce, Rel. San Giorgio).


 
NEL LAVORO GIORNALISTICO LA QUALIFICA DIRIGENZIALE VA RICONOSCIUTA AL DIRETTORE DI TESTATA IN BASE AI CRITERI STABILITI DALLA LEGGE - In mancanza di un'esplicita previsione del contratto collettivo (Cassazione Sezione Lavoro n. 6230 del 18 marzo 2014, Pres. Miani Canevari, Rel. Napoletano).


 
NON POSSONO RIENTRARE NEL "NOTORIO" ELEMENTI CHE ATTENGONO ALLA SCIENZA MEDICA SPECIALISTICA - In base all'art. 115 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 5883 del 13 marzo 2014, Pres. Vidiri, Rel. Ghinoy).


 
LA SATIRA E' BASATA SU UNA RAPPRESENTAZIONE CHE ENFATIZZA E DEFORMA LA REALTA' - Per provocare il riso (Cassazione Sezione Terza Civile n. 5499 del 10 marzo 2014, Pres. Russo, Rel. Vivaldi).


 
Lancio dell'11 marzo 2014

AI FINI DELL'ESCLUSIONE DELLA PENA DETENTIVA PER IL GIORNALISTA COLPEVOLE DI DIFFAMAZIONE VANNO APPLICATI I PRINCIPI STABILITI DALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL'UOMO - E dall'art. 21 della Costituzione (Cassazione Sezione Quinta Penale n. 12203 del 13 marzo 2014, Pres. Marasca, Rel. Lapalorcia).


 
IL LAVORATORE PUO' OTTENERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO D'IMMAGINE DERIVATO DALLA DIVULGAZIONE DELLA MOTIVAZIONE DEL LICENZIAMENTO - Il pregiudizio può essere provato anche mediante presunzioni, massime di comune esperienza o fatti notori (Cassazione Sezione Lavoro n. 4854 del 28 febbraio 2014, Pres. Roselli, Rel. Manna).


 
LA MANCANZA DELL'ASSOGGETTAMENTO AL POTERE DISCIPLINARE DEL DATORE DI LAVORO NON E' SUFFICIENTE AD ESCLUDERE LA SUBORDINAZIONE - Necessaria una valutazione complessiva degli indizi (Cassazione Sezione Lavoro n. 4856 del 28 febbraio 2014, Pres. Roselli, Rel. Manna).


 
IL RAPPORTO DEL LAVORATORE ILLEGITTIMAMENTE LICENZIATO PRIMA DEL TRASFERIMENTO DI AZIENDA CONTINUA CON IL CESSIONARIO - In caso di annullamento del licenziamento (Cassazione Sezione Lavoro n. 4130 del 21 febbraio 2014, Pres. Stile, Rel. Buffa).


 
NEL PROCESSO DEL LAVORO LA TARDIVITA' DELLA PRODUZIONE DI UN DOCUMENTO DEVE ESSERE RILEVATA D'UFFICIO - Esigenza di ordine pubblico (Cassazione Sezione Lavoro n. 4601 del 26 febbraio 2014, Pres. Miani Canevari, Rel. Doronzo).


 
IL DANNO NON PATRIMONIALE DA DIFFAMAZIONE PUO' ESSERE PROVATO PER PRESUNZIONI - E' sufficiente che la parte offesa alleghi di avere provato intenso dolore e umiliazione (Cassazione Sezione Terza Civile n. 4706 del 27 febbraio 2014, Pres. Amendola, Rel. De Stefano).


 
L'ESIMENTE DA INTERVISTA E' APPLICABILE IN MANCANZA DI ARTIFICI E SUGGESTIONI - Per il giornalista imputato di diffamazione (Cassazione Sezione Terza Civile n. 4707 del 27 febbraio 2014, Pres. Amendola, Rel. De Stefano).


 
RICERCA DELLA VERITA' NEL PROCESSO DEL LAVORO - Mediante i poteri istruttori del giudice esercitabili d'ufficio (Cassazione Sezione Lavoro n. 5196 del 5 marzo 2014, Pres. Roselli, Rel. Arienzo).


 
L'APPELLANTE PRINCIPALE NON HA UN DIRITTO SOGGETTIVO DI REPLICA SCRITTA ALL'APPELLO INCIDENTALE - Nel processo del lavoro (Cassazione Sezione Lavoro n. 4907 del 3 marzo 2014, Pres. Miani Canevari, Rel. Fernandes).


 
LA MANCATA AMMISSIONE DELLA PROVA DEVE FORMARE OGGETTO DI APPELLO - Senza necessità di reclamo davanti al giudice di primo grado (Cassazione Sezione Lavoro n. 4586 del 26 febbraio 2014, Pres. Lamorgese, Rel. Berrino).


 

Area utenti






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Ricerca

Preferiti dagli utenti