Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
In flash

IL LICENZIAMENTO DISCIPLINARE DEL PRIMARIO OSPEDALIERO È NULLO SE NON È DISPOSTO DALL'UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI - Ne consegue il diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro e al risarcimento del danno (Tribunale di Benevento Sezione Lavoro n. 759 del 22 marzo 2005, Giud. Dott. De Matteis).


 
MENTRE LA CONTESTAZIONE DISCIPLINARE DEVE AVVENIRE A IMMEDIATO RIDOSSO DELL'INFRAZIONE, LA SANZIONE PUÒ ESSERE APPLICATA ANCHE A DISTANZA DI TEMPO - Sempre nel rispetto del principio di buona fede (Cassazione Sezione Lavoro n. 6137 del 22 marzo 2005, Pres. Ianniruberto, Rel. Balletti).


 
DEVE RITENERSI "COLLABORATORE FISSO" IL GIORNALISTA CHE METTE A DISPOSIZIONE LE PROPRIE ENERGIE LAVORATIVE PER FORNIRE CON CONTINUITÀ AI LETTORI DI UNA TESTATA UN FLUSSO DI NOTIZIE IN UNA SPECIFICA E PREDETERMINATA AREA DELL'INFORMAZIONE - In base all'art. 2 CNLG (Cassazione Sezione Lavoro n. 5878 del 17 marzo 2005, Pres. Mattone, Rel. Balletti).


 
DICHIARAZIONI LESIVE DELL'ALTRUI REPUTAZIONE, ANCHE SE FATTE AD UNA SOLA PERSONA, POSSONO PRODURRE UN DANNO NON PATRIMONIALE RISARCIBILE - Non è necessario che si configuri il reato di diffamazione (Cassazione Sezione Terza Civile n. 5677 del 16 marzo 2005, Pres. Nicastro, Rel. Trifone).


 
IL LICENZIAMENTO VERBALE ATTUATO DA UN'AZIENDA CON MENO DI SEDICI DIPENDENTI COMPORTA IL DIRITTO DEL LAVORATORE LICENZIATO AL RISARCIMENTO DEL DANNO - In base all'art. 1223 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 5611 del 15 marzo 2005, Pres. Ciciretti, Rel. De Matteis).


 
LA CESSAZIONE DELLA MATERIA DEL CONTENDERE PUÒ ESSERE DICHIARATA DAL GIUDICE SOLO SU CONCORDE RICHIESTA DELLE PARTI - Per il venir meno della ragion d'essere sostanziale della lite (Cassazione Sezione Lavoro n. 5607 del 15 marzo 2005, Pres. Ciciretti, Rel. Balletti).


 
LA SCELTA DEI DIPENDENTI DA LICENZIARE IN CASO DI RIDUZIONE DI PERSONALE COMPORTA UNA COMPARAZIONE FRA TUTTI I LAVORATORI CHE SVOLGONO MANSIONI FUNGIBILI - Non può essere limitata agli addetti a un singolo ufficio (Cassazione Sezione Lavoro n. 5353 dell'11 marzo 2005, Pres. Mileo, Rel. Capitanio).


 
GLI OPERATORI DI UNA STRUTTURA SANITARIA DEVONO TUTELARE I PAZIENTI CONTRO OGNI PERICOLO CHE NE MINACCI L'INTEGRITÀ - In base agli articoli 2 e 32 della Costituzione (Cassazione Quarta Sezione Penale n. 9739 dell'11 marzo 2005, Pres. Coco, Rel. Palmieri).


 
LE ASSENZE DEL LAVORATORE PER MALATTIA CAUSATA DA UN COMPORTAMENTO INGIUSTAMENTE PERSECUTORIO TENUTO DAL DATORE DI LAVORO NON DEVONO ESSERE CALCOLATE AI FINI DEL SUPERAMENTO DEL PERIODO DI COMPORTO - E non giustificano pertanto il licenziamento (Cassazione Sezione Lavoro n. 4959 dell'8 marzo 2005, Pres. Senese, Rel. Guglielmucci).


 
IL SOLO RINVIO A GIUDIZIO DI UN BANCARIO PER REATI CONTRO IL PATRIMONIO NON GIUSTIFICA IL SUO LICENZIAMENTO - Se la sua responsabilità non è provata (Cassazione Sezione Lavoro n. 4838 del 7 marzo 2005, Pres. Mercurio, Rel. Roselli).


 
<< Inizio < Prec. 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 Pross. > Fine >>

Risultati 2171 - 2180 di 4402

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca