Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
In flash

IL LAVORATORE IN SERVIZIO NON PUÒ DISPORRE DEL SUO TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO - Perché il relativo diritto non è ancora sorto (Cassazione Sezione Lavoro n. 4822 del 7 marzo 2005, Pres. Mercurio, Rel. Maiorano).


 
CHI PRODUCE SIGARETTE SVOLGE UN'ATTIVITÀ PERICOLOSA E PUÒ ESSERE RITENUTO RESPONSABILE DELLE CONSEGUENZE DEL FUMO SULLA SALUTE DEI CONSUMATORI - In base all'art. 2050 cod. civ. (Corte di Appello di Roma - Sezione Prima Civile n. 1015 del 7 marzo 2005, Pres. Fancelli, Rel. Bonavitacola).


 
NEL DECIDERE SULLA POSSIBILITÀ DI LICENZIAMENTO PER SOPRAVVENUTA INIDONEITÀ FISICA, LA TUTELA DEGLI INTERESSI DEL LAVORATORE VA BILANCIATA CON LA GARANZIA DELLA LIBERTÀ DI INIZIATIVA ECONOMICA DELL'IMPRENDITORE - In base alla Costituzione (Cassazione Sezione Lavoro n. 4827 del 7 marzo 2005, Pres. Mercurio, Rel. Lamorgese).


 
IL LICENZIAMENTO VERBALE DA PARTE DI UN'AZIENDA CON MENO DI 16 DIPENDENTI COMPORTA IL DIRITTO DEL LAVORATORE LICENZIATO AL RISARCIMENTO DEL DANNO - In base alle regole generali (Cassazione Sezione Lavoro n. 4824 del 7 marzo 2005, Pres. Mercurio, Rel. Capitanio).


 
LA COLLABORAZIONE DELL'AUTISTA ALLO SCARICO DI UN'AUTOCISTERNA NON COSTITUISCE ATTIVITÀ ARBITRARIA - Se si verifica un incidente, il datore di lavoro può essere chiamato a risponderne (Cassazione Sezione Lavoro n. 4723 del 4 marzo 2005, Pres. Mileo, Rel. Nobile).


 
PERCHÉ POSSA CONFIGURARSI UNA TRANSAZIONE È NECESSARIO CHE TRA LE PARTI INTERVENGANO RECIPROCHE CONCESSIONI - In base all'art. 1965 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 4718 del 4 marzo 2005, Pres. Senese, Rel. Roselli).


 
ANCHE IL "SINGLE", CHE ABBIA RIPORTATO LESIONI IN UN INCIDENTE STRADALE, HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO PER RIDUZIONE DELLA CAPACITÀ DI ACCUDIRE ALLE FACCENDE DOMESTICHE - Non solo la casalinga (Cassazione Sezione Terza Civile n. 4657 del 3 marzo 2005, Pres. Giuliano, Rel. Talevi).


 
L'ERRORE DI FATTO CHE GIUSTIFICA LA REVOCAZIONE DI UNA SENTENZA DI CASSAZIONE DEVE PRESENTARE I CARATTERI DELLA EVIDENZA E DELLA OBIETTIVITÀ - In base all'art. 391 bis cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 4565 del 3 marzo 2005, Pres. Ciciretti, Rel. Lamorgese).


 
IL COORDINATORE DELL'UFFICIO DEL PERSONALE NON PUÒ ATTRIBUIRSI UN AUMENTO DI STIPENDIO SENZA CONSULTARE IL SUO SUPERIORE - Per ragioni di correttezza (Cassazione Sezione Lavoro n. 4332 del 2 marzo 2005, Pres. Mattone, Rel. Curcuruto).


 
SE UN RAPPORTO DI LAVORO È DISCIPLINATO NEL PERIODO INIZIALE DALLA LEGGE DEGLI USA E SUCCESSIVAMENTE DA QUELLA ITALIANA, IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DEVE ESSERE COMMISURATO ALL'INTERA DURATA - Anche se la legge americana non prevede il t.f.r. (Cassazione Sezione Lavoro n. 4341 del 2 marzo 2005, Pres. Mercurio, Rel. La Terza).


 
<< Inizio < Prec. 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 Pross. > Fine >>

Risultati 2181 - 2190 di 4402

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca