Home arrow LAVORO arrow In flash
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

In flash:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
In flash




articoli archiviati per il 2004




IN CASO DI IMPUGNAZIONE DI UN LICENZIAMENTO INDIVIDUALE MOTIVATO CON RIFERIMENTO AD ESIGENZE ORGANIZZATIVE, AL GIUDICE SPETTA IL CONTROLLO DELLA REALE SUSSISTENZA DEL MOTIVO - Egli non può tuttavia sindacare la scelta dei criteri di gestione dell'impresa (Cassazione Sezione Lavoro n. 21121 del 4 novembre 2004, Pres. Mattone, Rel. Stile).


 
LA DETERMINAZIONE DEL RISARCIMENTO DEL DANNO MORALE IN MISURA DI UNA FRAZIONE DEL DANNO BIOLOGICO PUÒ ESSERE RITENUTA LEGITTIMA - Purché il giudice dimostri di aver tenuto conto delle circostanze del caso concreto (Cassazione Sezione Terza Civile n. 20814 del 27 ottobre 2004, Pres. Giuliano, Rel. Segreto).


 
ANCHE I SINDACATI CHE NON ABBIANO SOTTOSCRITTO CONTRATTI DI LAVORO APPLICABILI NELL'UNITÀ PRODUTTIVA POSSONO COSTITUIRE RAPPRESENTANZE AZIENDALI - Ma non fruiscono delle prerogative previste dal titolo III dello Statuto dei lavoratori (Cassazione Sezione Lavoro n. 20695 del 25 ottobre 2004, Pres. Mercurio, Rel. Maiorano).


 
IL PUBBLICO IMPIEGATO CHE SVOLGA MANSIONI SUPERIORI A QUELLE PREVISTE PER LA SUA QUALIFICA HA DIRITTO AL CORRISPONDENTE TRATTAMENTO ECONOMICO - Ma non alla promozione automatica (Cassazione Sezione Lavoro n. 20692 del 25 ottobre 2004, Pres. Mileo, Rel. Toffoli).


 
L'INDENNITÀ DOVUTA AL LAVORATORE PER MANCATA FRUIZIONE DEI RIPOSI SETTIMANALI È SOGGETTA ALLA RITENUTA IRPEF - Poiché ha natura retributiva e quindi reddituale (Cassazione Sezione Tributaria n. 20384 del 18 ottobre 2004, Pres. Riggio, Rel. Ebner).


 
GLI ASSEGNI FAMILIARI SPETTANO SOLTANTO IN CASO DI EFFETTIVA PRESTAZIONE DELL'ATTIVITÀ LAVORATIVA - Non è sufficiente che sia percepita la retribuzione (Cassazione Sezione Lavoro n. 20162 del 12 ottobre 2004, Pres. Ravagnani, Rel. Morcavallo).


 
I CREDITI DERIVANTI DA PRESTAZIONI LAVORATIVE SVOLTE NELL'AMBITO DI UNA COMUNIONE TACITA FAMILIARE SI PRESCRIVONO IN DIECI ANNI - Non v'è sospensione del decorso della prescrizione durante il rapporto (Cassazione Sezione Lavoro n. 20070 dell'8 ottobre 2004, Pres. Ciciretti, Rel. De Luca).


 
PER INTERROMPERE LA PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLE PRESTAZIONI ASSICURATIVE DELL'INAIL NON È NECESSARIO PROMUOVERE UN GIUDIZIO - E' sufficiente una richiesta scritta (Cassazione Sezione Lavoro n. 19935 del 6 ottobre 2004, Pres. Prestipino, Rel. Cuoco).


 
LE SANZIONI CIVILI PER IL MANCATO PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI COSTITUISCONO UNA CONSEGUENZA AUTOMATICA DELL'INADEMPIMENTO - Si applicano indipendentemente dalla volontarietà o meno dalla mancanza (Cassazione Sezione Lavoro n. 19707 del 1 ottobre 2004, Pres. Sciarelli, Rel. De Luca).


 
LA RESPONSABILITÀ DEL MEDICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE VERSO IL PAZIENTE, PER NEGLIGENZA, HA NATURA CONTRATTUALE - Perché si fonda sul "contratto sociale" (Cassazione Sezione Terza Civile n. 19564 del 29 settembre 2004, Pres. Carbone, Rel. Di Nanni).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 11 - 20 di 104

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca