Home arrow LAVORO arrow In flash
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

In flash:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
In flash




articoli archiviati per il 2005




NEL PROCESSO DEL LAVORO, L'IMPROCEDIBILITÀ DELLA DOMANDA PER MANCATO ESPERIMENTO DEL TENTATIVO DI CONCILIAZIONE DEVE ESSERE RILEVATA NELL'UDIENZA DI DISCUSSIONE DI PRIMO GRADO - Se ciò non avviene, la questione non può essere sollevata in appello (Cassazione Sezione Lavoro n. 23044 del 15 novembre 2005, Pres. Mercurio, Rel. D'Agostino).


 
L'APPLICAZIONE DELL'ART. 18 ST. LAV. PUÒ ESSERE CHIESTA ANCHE NEL CASO DI LICENZIAMENTO ATTUATO DA UN'IMPRESA AVENTE MENO DI 16 DIPENDENTI - Se essa opera nell'ambito di un'organizzazione più ampia, facente capo a un unico soggetto (Cassazione Sezione Lavoro n. 22927 del 14 novembre 2005, Pres. Mercurio, Rel. D'Agostino).


 
I LAVORATORI HANNO DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO PER IL MANCATO LAVAGGIO, DA PARTE DELL'AZIENDA, DEGLI INDUMENTI DI PROTEZIONE - L'operazione non può essere posta a carico dei dipendenti (Cassazione Sezione Lavoro n. 22929 del 14 novembre 2005, Pres. Sciarelli, Rel. Lupi).


 
PER AFFERMARE LA RESPONSABILITÀ DEL MEDICO È NECESSARIO ACCERTARE IL NESSO CAUSALE FRA LA CONDOTTA COLPOSA E IL DANNO DERIVATO AL PAZIENTE - Anche in base al serio e ragionevole criterio di probabilità scientifica (Cassazione Sezione Terza Civile n. 22894 dell'11 novembre 2005, Pres. Duva, Rel. Manzo).


 
L'IMPRENDITORE PUÒ MODIFICARE GLI ORARI DI LAVORO CON DECISIONE UNILATERALE - A meno che per contratto collettivo essi debbano essere concordati con le organizzazioni sindacali (Cassazione Sezione Lavoro n. 21706 del 9 novembre 2005, Pres. Ciciretti, Rel. Vigolo).


 
LA REGOLA DELLA LICENZIABILITÀ "AD NUTUM" DEI DIRIGENTI È APPLICABILE SOLO A COLORO CHE ABBIANO UNA POSIZIONE VERTICISTICA - Non ai dirigenti minori (Cassazione Sezione Lavoro n. 21673 dell'8 novembre 2005, Pres. Mileo, Rel. De Matteis).


 
IL PERIODO TRIMESTRALE DI ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO DELLA LAVORATRICE MADRE NON COMPRENDE IL GIORNO DEL PARTO - Che è peraltro sicuramente compreso nella tutela previdenziale apprestata dalla legge n. 1204 del 1971 (oggi n. 151 del 2001) (Cassazione Sezione Lavoro n. 21671 dell'8 novembre 2005, Pres. Mileo, Rel. Mazzarella).


 
NELLA VALUTAZIONE DELLA GRAVITÀ DELL'INFRAZIONE ATTRIBUITA AD UN LAVORATORE BANCARIO, SI DEVE TENER CONTO DEL RUOLO PECULIARE CHE NEL SETTORE DEL CREDITO È SVOLTO DAL RAPPORTO FIDUCIARIO - Occorre peraltro considerare anche l'elemento psicologico della condotta (Cassazione Sezione Lavoro n. 21670 dell'8 novembre 2005, Pres. Mileo, Rel. Curcuruto).


 
ASPETTO DETERMINANTE DELLA QUALIFICA DI GIORNALISTA CAPO SERVIZIO È IL POTERE DI REVISIONE DEL LAVORO DEI REDATTORI - In ragione della responsabilità attribuitagli (Cassazione Sezione Lavoro n. 21212 del 2 novembre 2005, Pres. Mileo, Rel. Cuoco).


 
L'ACCERTAMENTO DELLA NULLITÀ DEL TRASFERIMENTO DI UN LAVORATORE PRESSO UNITÀ PRODUTTIVA SUCCESSIVAMENTE CEDUTA AD ALTRA AZIENDA COMPORTA LA REINSTAURAZIONE DEL RAPPORTO CON L'ORIGINARIO DATORE DI LAVORO - Con diritto a percepire la retribuzione maturata (Cassazione Sezione Lavoro n. 21006 del 28 ottobre 2005, Pres. Mileo, Rel. De Luca).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 11 - 20 di 119

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca