Home arrow LAVORO arrow In flash
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

In flash:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
In flash




articoli archiviati per il 2005




PERCHÉ AL LAVORATORE POSSANO ESSERE APPLICATE SANZIONI DI TIPO CONSERVATIVO, COME LA SOSPENSIONE E LA MULTA, È NECESSARIA LA PREVIA AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE - In base all'art. 7 St. Lav. (Cassazione Sezione Lavoro n. 18130 del 13 settembre 2005, Pres. Senese, Rel. Mazzarella).


 
I FIGLI, ANCHE SE MAGGIORENNI, HANNO DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO PATRIMONIALE PER LA MORTE DEL GENITORE IN UN INCIDENTE STRADALE - In relazione alla loro aspettativa di beneficiare dei risparmi del defunto (Cassazione Sezione Lavoro n. 18092 del 12 settembre 2005, Pres. Duva, Rel. Durante).


 
NEL PROCESSO DEL LAVORO È AMMISSIBILE LA PROVA TESTIMONIALE DI PATTUIZIONI VERBALI INTERCORSE IN AGGIUNTA AD UN ACCORDO SINDACALE AZIENDALE - In deroga a quanto disposto dall'art. 2722 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 17333 del 25 agosto 2005, Pres. Mattone, Rel. De Matteis).


 
NEL REDDITO DI CHI CHIEDE ALL'INPS L'ASSEGNO SOCIALE NON DEVONO ESSERE INCLUSI GLI AIUTI DEI FAMILIARI - In quanto erogazioni prive di continuità e quindi di prevedibilità (Cassazione Sezione Lavoro n. 16859 dell'11 agosto 2005, Pres. Mattone, Rel. Di Cerbo).


 
L'INDENNITÀ SOSTITUTIVA DELLE FERIE NON GODUTE VA ASSOGGETTATA AI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI - Perché ha carattere retributivo (Cassazione Sezione Lavoro n. 16761 del 9 agosto 2005, Pres. Mercurio, Rel. Vigolo).


 
L'INSEGNANTE DI SCUOLA PRIVATA DEVE ESSERE RITENUTO DIPENDENTE OVE SIA INSERITO IN UN QUADRO ORGANIZZATIVO COMPLESSIVO - Con l'obbligo di programmazione formativa e didattica, di valutazione degli studenti, di intrattenimento dei rapporti con i genitori, di partecipazione ai consigli di classe (Cassazione Sezione Lavoro n. 16661 dell'8 agosto 2005, Pres. Ianniruberto, Rel. Picone).


 
L'INDENNITÀ DI MALATTIA DEVE ESSERE CORRISPOSTA AL LAVORATORE IN CASO DI RITARDATO INVIO DEL CERTIFICATO MEDICO PER SERI MOTIVI - Che devono essere da lui provati (Cassazione Sezione Lavoro n. 16627 dell'8 agosto 2005, Pres. Mileo, Rel. Figurelli).


 
LA SCELTA, DA PARTE DELL'AZIENDA, DEI LAVORATORI DA COLLOCARE IN CASSA INTEGRAZIONE È SOGGETTA A LIMITI INTERNI ED ESTERNI - Coerenza con le finalità della sospensione dal lavoro e rispetto delle regole di correttezza (Cassazione Sezione Lavoro n. 16537 del 5 agosto 2005, Pres. Senese, Rel. Filadoro).


 
IL CONTRATTO COLLETTIVO PUÒ ESSERE PRODOTTO ANCHE NEL GIUDIZIO DI APPELLO - Trattandosi di prova costituita (Cassazione Sezione Lavoro n. 13723 del 27 giugno 2005, Pres. Mileo, Rel. Filadoro).


 
L'OBBLIGO DI INVIO DEL CERTIFICATO MEDICO AL DATORE DI LAVORO SUSSISTE ANCHE NEL CASO DI MALATTIA VERIFICATASI ALL'ESTERO - In base ai principi di correttezza e buona fede (Cassazione Sezione Lavoro n. 13622 del 24 giugno 2005, Pres. Senese, Rel. De Matteis).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 41 - 50 di 119

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca