Home arrow LAVORO arrow In flash
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

In flash:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
In flash




articoli archiviati per il 2011




IL TERMINE DI PRESCRIZIONE DEL DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO DA DIFFAMAZIONE INIZIA A DECORRERE DAL MOMENTO IN CUI LA PARTE LESA VIENE A CONOSCENZA DELL'ILLECITO - In base all'art. 2947 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 20609 del 7 ottobre 2011, Pres. Amatucci, Rel. Giancalone).


 
NATURA RETRIBUTIVA E COMPUTABILITA' NEL T.F.R. DEI CONTRIBUTI AZIENDALI AI FONDI PENSIONISTICI INTEGRATIVI - Sino all'entrata in vigore della riforma della previdenza complementare (Cassazione Sezione Lavoro n. 20105 del 30 settembre 2011, Pres. Vidiri, Rel. Balestrieri).


 
L'AZIONE PER L'ACCERTAMENTO DELLA NULLITA' DEL TERMINE APPOSTO AL RAPPORTO DI LAVORO E' IMPRESCRITTIBILE - Ne consegue che il ritardo nel proporla non è elemento sufficiente da far ritenere che sia intervenuta una risoluzione per mutuo consenso (Cassazione Sezione Lavoro n. 19916 del 29 settembre 2011, Pres. Lamorgese, Rel. Tricomi).


 
IL GIUDICE PUO' SINDACARE LE VALUTAZIONI ESPRESSE NELLE NOTE DI QUALIFICA - Che devono essere motivate (Cassazione Sezione Lavoro n. 19710 del 27 settembre 2011, Pres. Roselli, Rel. Tria).


 
NELL'INTERPRETAZIONE DEI NEGOZI UNILATERALI IL GIUDICE DEVE ATTENERSI AL NESSO LETTERALE DELLE PAROLE ADOPERATE - Non può darsi rilevanza ad atti esterni (Cassazione Sezione Lavoro n. 19709 del 27 settembre 2011, Pres. Vidiri, Rel. Mancino).


 
NEL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DEVE RISPETTARE LE REGOLE DI BUONA FEDE E CORRETTEZZA NONCHE' L'OBBLIGO DI IMPARZIALITA' PREVISTO DALL'ART. 97 COST. REP. - I poteri del giudice (Cassazione Sezione Lavoro n. 19630 del 26 settembre 2011, Pres. Vidiri, Rel. Meliadò).


 
E' AMMISSIBILE UN'AZIONE DI ACCERTAMENTO DIRETTA ALL'ESATTA DETERMINAZIONE DEI COMPENSI SPETTANTI AL LAVORATORE - Anche se non si chiede alcuna condanna (Cassazione Sezione Lavoro n. 19295 del 22 settembre 2011, Pres. Vidiri, Rel. Zappia).


 
LA PROCEDURA PREVISTA PER I LICENZIAMENTI COLLETTIVI E' FINALIZZATA ALLA TUTELA ANCHE DELL'INTERESSE PUBBLICO - Correlato alla occupazione in generale e ai costi della mobilità (Cassazione Sezione Lavoro n. 19233 del 21 settembre 2011, Pres. Roselli, Rel. Tria).


 
IN MATERIA DI LICENZIAMENTO L'ONERE DELLA PROVA GRAVANTE SUL LAVORATORE CONCERNE SOLTANTO LA CESSAZIONE DEL RAPPORTO - La prova di eventuali dimissioni incombe all'azienda (Cassazione Sezione Lavoro n. 19236 del 21 settembre 2011, Pres. Roselli, Rel. Tria).


 
IL DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO PER ILLEGITTIMO COLLOCAMENTO IN CIGS SI PRESCRIVE IN DIECI ANNI - Perché deriva da inadempimento contrattuale (Cassazione Sezione Lavoro n. 19235 del 21 settembre 2011, Pres. Roselli, Rel. Tria).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 21 - 30 di 113

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca