Home arrow LAVORO arrow In flash arrow L'agente si distingue dal procacciatore di affari per la con...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

L'AGENTE SI DISTINGUE DAL PROCACCIATORE DI AFFARI PER LA CONTINUITĄ E LA STABILITĄ DELL'INCARICO - In base all'art. 1743 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 21484 del 7 novembre 2005, Pres. Ciciretti, Rel. Di Nubila).

Caratteri distintivi del contratto di agenzia (nel quale il diritto di esclusiva previsto dall'art. 1743 cod. civ. costituisce un elemento naturale) sono la continuità e la stabilità dell'attività dell'agente diretta a promuovere la conclusione di contratti per conto del preponente nell'ambito di una zona, realizzando in tal modo con quest'ultimo una non episodica collaborazione professionale autonoma con risultato a proprio rischio e con l'obbligo di osservare oltre alle norme di correttezza e di lealtà le istruzioni ricevute dal preponente medesimo. Correttamente quindi il giudice di merito ritiene insussistente un rapporto di tale natura quando, sulla base delle risultanze istruttorie come da lui incensurabilmente apprezzate, risulti solo una limitata attività di raccolta delle ordinazioni dei clienti, senza vincolo di stabilità e in via del tutto episodica, idonea al più a dar luogo al rapporto atipico del procacciatore di affari. Quest'ultimo raccoglie le ordinazioni dei clienti, trasmettendole alla ditta da cui ha ricevuto l'incarico, senza vincolo di stabilità e in via del tutto occasionale.


Visite: 3955 | Preferiti (1)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca