Home arrow LAVORO arrow In flash arrow Il licenziamento verbale attuato da un'azienda con meno di s...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

IL LICENZIAMENTO VERBALE ATTUATO DA UN'AZIENDA CON MENO DI SEDICI DIPENDENTI COMPORTA IL DIRITTO DEL LAVORATORE LICENZIATO AL RISARCIMENTO DEL DANNO - In base all'art. 1223 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 5611 del 15 marzo 2005, Pres. Ciciretti, Rel. De Matteis).

Il lavoratore che sia stato licenziato verbalmente da un'azienda avente meno di sedici dipendenti ha diritto non all'applicazione dell'art. 18 St. Lav., ma al risarcimento del danno per violazione dell'obbligo, previsto dall'art. 2 della legge 15 luglio 1966 n. 604, di comunicare il licenziamento in forma scritta. Il risarcimento, in applicazione dell'art. 1223 cod. civ.,  può essere determinato in misura pari alla retribuzione relativa al periodo successivo al licenziamento ove il lavoratore provi di essersi invano attivato nella ricerca di una nuova occupazione, iscrivendosi al collocamento. Per evitare o ridurre la condanna, l'azienda deve a sua volta provare che il lavoratore, nel periodo successivo al licenziamento, abbia percepito compensi per attività svolta per altre imprese.


Visite: 3976 | Preferiti (1)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca