Home arrow Informazione e comunicazione arrow Condanna al risarcimento del danno per un servizio televisiv...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Informazione e comunicazione Stampa E-mail

CONDANNA AL RISARCIMENTO DEL DANNO PER UN SERVIZIO TELEVISIVO SU UN PERSONAGGIO NOTO RIPRESO ALL'USCITA DI UN RISTORANTE - Violazione del diritto all'immagine e diffamazione (Tribunale di Roma n. 470 del 15 gennaio 1999, Giudice Olivieri).

 

Nella rubrica "Chiacchiere" del TG1 è stato trasmesso, nel gennaio 1996, un servizio nel quale si riprendeva alle spalle un noto giornalista televisivo mentre si allontonava a piedi, di sera, da un ristorante, in compagnia di due donne. Le immagini sono state presentate come prova di una "scappatella", con commenti salaci. Le stesse immagini sono state successivamente incluse nella rubrica di Rete Tre "Pork Blob".
Il giornalista oggetto della ripresa ha chiesto al Tribunale di Roma di condannare l'autore del servizio, il direttore del TG1 e il dirigente responsabile della Rete Tre al risarcimento del danno per violazione del diritto all'immagine e diffamazione. Egli ha fatto presente che il servizio era stato realizzato senza il suo consenso e che la notizia della pretesa "scappatella" era falsa in quanto le donne che quella sera lo accompagnavano erano rispettivamente sua moglie e sua figlia.
I convenuti si sono difesi sostenendo la liceità del servizio, sia perchè concernente un personaggio noto, ripreso in pubblico, sia perchè avente intento satirico.
Il Tribunale di Roma con sentenza n. 470 del 15 gennaio 1999 ha accolto la domanda, attribuendo al giornalista un risarcimento complessivo di cento milioni di lire.


Visite: 3117 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca