Home arrow LAVORO arrow In flash arrow Il diritto del lavoratore al risarcimento del danno per ille...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

IL DIRITTO DEL LAVORATORE AL RISARCIMENTO DEL DANNO PER ILLEGITTIMO COLLOCAMENTO IN CIGS SI PRESCRIVE IN DIECI ANNI - Non si tratta di retribuzione (Cassazione Sezione Lavoro n. 14889 del 22 novembre 2001, Pres. Ianniruberto, Rel. Roselli).

L'azienda che non rispetti i criteri stabiliti dall'accordo aziendale e le regole di correttezza nel collocamento in cigs dei dipendenti è tenuta a risarcire il danno ai lavoratori ingiustamente sospesi dal lavoro. Anche se l'indennizzo deve essere determinato con riferimento alla retribuzione perduta dal lavoratore illegittimamente sospeso, il diritto al risarcimento del danno non si prescrive nel termine di cinque anni stabilito per i crediti di natura retributiva. Trattandosi infatti di pretesa risarcitoria deve applicarsi la prescrizione ordinaria, di durata decennale.


Visite: 5368 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca