Home arrow Documenti arrow Proposta di decisione quadro del consiglio dell'Unione Europ...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Documenti Stampa E-mail

PROPOSTA DI DECISIONE QUADRO DEL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA RELATIVA AL MANDATO D'ARRESTO EUROPEO E ALLE PROCEDURE DI CONSEGNA TRA STATI MEMBRI

Pubblichiamo il testo della proposta di decisione in materia di mandato d'arresto europeo, che non giustifica allarmismi.

 

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

visto il trattato sull'Unione europea, in particolare l'articolo 31, lettere a) e b), e l'articolo 34, paragrafo 2, lettera b),

vista la proposta della Commissione,

visto il parere del Parlamento europeo,

considerando quanto segue:

  1. Le conclusioni del Consiglio europeo di Tampere, del 15 e 16 ottobre 1999, in particolare la conclusione 35, affrontano la questione dello snellimento delle procedure di estradizione o di consegna di persone condannate o sospettate di reato.
  2. Il programma di misure per l'attuazione del principio del reciproco riconoscimento delle decisioni penali, adottato dal Consiglio il 30 novembre 2000 , affronta la questione dell'esecuzione reciproca del mandato d'arresto.
  3. Tutti o alcuni degli Stati membri aderiscono ad una serie di convenzioni nel settore dell'estradizione. Tra queste si possono annoverare la convenzione europea sull'estradizione del 13 dicembre 1957 e la convenzione europea per la repressione del terrorismo del 27 gennaio 1977. Gli Stati nordici possiedono leggi sull'estradizione redatte in modo identico.
  4. Inoltre, gli Stati membri hanno concluso tra loro le seguenti tre convenzioni concernenti in tutto o in parte l'estradizione, che fanno parte dell'acquis dell'Unione: la convenzione, del 19 giugno 1990, di applicazione dell'accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo alla soppressione graduale dei controlli alle frontiere comuni nelle relazioni tra gli Stati membri parte della convenzione , la convenzione del 10 marzo 1995 relativa alla procedura semplificata di estradizione tra gli Stati membri dell'Unione europea e la convenzione del 27 settembre 1996 relativa all'estradizione tra gli Stati membri dell'Unione europea.
  5. L'obiettivo dell'Unione di diventare uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia comporta la soppressione dell'estradizione tra Stati membri che deve essere sostituita da un sistema di consegna tra autorità giudiziarie. Inoltre l'introduzione di un nuovo sistema semplificato per quanto riguarda la consegna delle persone al fine di sottoporle all'azione penale o all'esecuzione delle sentenze di condanna consente di eliminare la complessità e i potenziali ritardi inerenti alla disciplina attuale in materia di estradizione. Le classiche relazioni di cooperazione finora esistenti tra Stati membri dovrebbero essere sostituite da un sistema di libera circolazione delle decisioni giudiziarie penali, sia intervenute in una fase anteriore alla sentenza, sia definitive, nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia.
  6. Il mandato d'arresto europeo previsto nella presente decisione quadro costituisce la prima concretizzazione nel settore del diritto penale del principio di riconoscimento reciproco che il Consiglio europeo ha definito il fondamento della cooperazione giudiziaria.
  7. Poiché l'obiettivo di sostituire il sistema multilaterale di estradizione creato sulla base della convenzione europea di estradizione del 13 dicembre 1957 non può essere sufficientemente realizzato unilateralmente dagli Stati membri e può dunque essere realizzato soltanto a livello dell'Unione, il Consiglio dell'Unione può adottare misure, nel rispetto del principio di sussidiarietà menzionato all'articolo 2 del trattato sull'Unione europea e definito all'articolo 5 del trattato che istituisce la Comunità europea. In conformità con il principio di proporzionalità definito in quest'ultimo articolo, la presente decisione quadro non va al di là di quanto necessario per il raggiungimento di questi obiettivi.
  8. Le decisioni relative all'esecuzione di un mandato d'arresto europeo devono essere sottoposte a un controllo sufficiente, il che significa che l'autorità giudiziaria dello Stato membro in cui la persona ricercata è stata arrestata dovrà prendere la decisione relativa alla sua consegna.
  9. Il ruolo delle autorità centrali nell'esecuzione del mandato d'arresto europeo dev'essere limitato all'assistenza pratica e amministrativa.
  10. Il meccanismo del mandato d'arresto europeo si basa su un elevato livello di fiducia tra gli Stati membri. L'attuazione di tale meccanismo può essere sospesa solo in caso di grave e persistente violazione da parte di uno Stato membro dei principi sanciti all'articolo 6, paragrafo 1 del trattato sull'Unione europea, constatata dal Consiglio in applicazione dell'articolo 7, paragrafo 1, dello stesso trattato, e secondo la procedura prevista all'articolo 7, paragrafo 2.
  11. Il mandato d'arresto europeo dovrebbe sostituire tra gli Stati membri tutti i precedenti strumenti in materia di estradizione, comprese le disposizioni del Titolo III della convenzione d'applicazione dell'accordo di Schengen che riguardano l'estradizione.
  12. La presente decisione quadro rispetta i diritti fondamentali ed osserva i principi sanciti dall'articolo 6 del trattato sull'Unione europea e contenuti nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, segnatamente il capo VI. Nessun elemento della presente decisione quadro può essere interpretato nel senso che non sia consentito rifiutare di procedere alla consegna di una persona che forma oggetto di un mandato d'arresto europeo qualora sussistano elementi oggettivi per ritenere che il mandato d'arresto europeo sia stato emesso al fine di perseguire penalmente o punire una persona a causa del suo sesso, della sua razza, religione, origine etnica, nazionalità, lingua, opinione politica o delle sue tendenze sessuali oppure che la posizione di tale persona possa risultare pregiudicata per uno di tali motivi.
    La presente decisione quadro non osta a che gli Stati membri applichino le loro norme costituzionali relative al giusto processo alla libertà di associazione, alla libertà di stampa e alla libertà di espressione negli altri mezzi di comunicazione.
  13. Nessuna persona dovrebbe essere allontanata, espulsa o estradata verso uno Stato allorquando sussista un serio rischio che esse vengano sottoposte alla pena di morte, alla tortura o ad altri trattamenti o pene inumane o degradanti.
    Tutti gli Stati membri hanno ratificato la convenzione del Consiglio d'Europa del 28 gennaio 1981 relativa alla protezione delle persone nei confronti del trattamento automatizzato dei dati di carattere personale. I dati personali trattati nel contesto dell'attuazione della presente decisione quadro sono protetti in conformità con i principi di detta convenzione.
HA ADOTTATO LA PRESENTE DECISIONE QUADRO:
Capo 1 - Principi generali
Articolo 1
Obbligo di eseguire il mandato d'arresto europeo
  1. Il mandato d'arresto europeo è una decisione giudiziaria emessa da uno Stato membro in vista dell'arresto e della consegna da parte di un altro Stato membro di una persona ricercata, ai fini dell'esercizio di un'azione penale o dell'esecuzione di una pena o una misura privativa della libertà.
  2. Gli Stati membri si impegnano a eseguire, in base al principio del riconoscimento reciproco e conformemente alle disposizioni della presente decisione quadro, ogni mandato d'arresto europeo.
  3. L'obbligo di rispettare i diritti fondamentali e i fondamentali principi giuridici sanciti dall'articolo 6 del trattato sull'Unione europea non può essere modificata per effetto della presente decisione quadro.
Articolo 2
Campo d'applicazione del mandato d'arresto europeo
  1. Il mandato d'arresto europeo può essere emesso per i reati puniti dalle leggi dello Stato membro emittente con una pena privativa della libertà o con una misura di sicurezza privativa della libertà non inferiore a dodici mesi oppure, se è stata disposta la condanna a una pena o è stata inflitta una misura di sicurezza, per sanzioni di durata non inferiore a quattro mesi.
  2. Danno luogo a consegna in base al mandato d'arresto europeo, alle condizioni stabilite dalla presente decisione quadro e indipendentemente dalla doppia incriminazione per il reato, i reati seguenti, quali definiti dalla legge dello Stato membro emittente, se in detto Stato membro il massimo della pena privativa della libertà per tali reati è pari o superiore a tre anni:
    • partecipazione a un'organizzazione criminale;
    • terrorismo;
    • tratta di esseri umani;
    • sfruttamento sessuale dei bambini e pornografia infantile;
    • traffico illecito di stupefacenti e sostanze psicotrope;
    • traffico illecito di armi, munizioni ed esplosivi;
    • corruzione;
    • frode, compresa la frode che lede gli interessi finanziari delle Comunità europee ai sensi della convenzione del 26 luglio 1995 relativa alla tutela degli interessi finanziari delle Comunità europee;
    • riciclaggio di proventi di reato;
    • falsificazione e contraffazione dell'euro;
    • criminalità informatica;
    • criminalità ambientale, compreso il traffico illecito di specie animali protette e il traffico illecito di specie e di essenze vegetali protette;
    • favoreggiamento dell'ingresso e del soggiorno illegali;
    • omicidio volontario, lesioni personali gravi;
    • traffico illecito di organi e tessuti umani;
    • rapimento, sequestro e presa di ostaggi;
    • razzismo e xenofobia;
    • furti organizzati o con l'uso di armi;
    • traffico illecito di beni culturali, compresi gli oggetti d'antiquariato e le opere d'arte;
    • truffa;
    • racket e estorsioni;
    • contraffazione e pirateria in materia di prodotti;
    • falsificazione di atti amministrativi e traffico di documenti falsi;
    • falsificazione di mezzi di pagamento;
    • traffico illecito di sostanze ormonali ed altri fattori di crescita;
    • traffico illecito di materie nucleari e radioattive;
    • traffico di veicoli rubati;
    • stupro;
    • incendio volontario;
    • reati che rientrano nella competenza giurisdizionale della Corte penale internazionale;
    • dirottamento di aereo/nave;
    • sabotaggio.
  3. Il Consiglio può decidere in qualsiasi momento, deliberando all'unanimità e previa consultazione del Parlamento europeo alle condizioni di cui all'articolo 39, paragrafo 1 del TUE, di inserire altre categorie di reati nell'elenco di cui al paragrafo 2. Il Consiglio esaminerà, alla luce della relazione che la Commissione gli sottoporrà ai sensi dell'articolo 27, se sia opportuno estendere o modificare tale elenco.
  4. Per quanto riguarda i reati non contemplati dal paragrafo 2, la consegna può essere subordinata alla condizione che i fatti per i quali è stato emesso il mandato d'arresto europeo costituiscano un reato ai sensi della legge dello Stato dell'esecuzione indipendentemente dagli elementi costitutivi o dalla qualifica dello stesso.
Articolo 3
Motivi di non esecuzione obbligatoria

L'autorità giudiziaria dell'esecuzione rifiuta di eseguire il mandato d'arresto europeo nei casi seguenti:

  1. se il reato alla base del mandato d'arresto è coperto da amnistia nello Stato membro di esecuzione e se quest'ultimo era competente a perseguire il reato secondo la propria legge penale;
  2. se in base ad informazioni in possesso dell'autorità giudiziaria dell'esecuzione risulta che la persona ricercata è stata giudicata con sentenza definitiva per gli stessi fatti da uno Stato membro a condizione che, in caso di condanna, la sanzione sia stata applicata o sia in fase di esecuzione o non possa più essere eseguita in forza delle leggi dello Stato membro della condanna;
  3. se la persona oggetto del mandato d'arresto europeo non può ancora essere considerata, a causa dell'età, penalmente responsabile dei fatti all'origine del mandato d'arresto europeo in base alla legge dello Stato membro di esecuzione.
Articolo 4
Motivi di non esecuzione facoltativa

L'autorità giudiziaria dell'esecuzione può rifiutare di eseguire il mandato d'arresto europeo:

  1. se, in uno dei casi di cui all'articolo 2, paragrafo 4, il fatto che è alla base del mandato d'arresto europeo non costituisce reato ai sensi della legge dello Stato membro di esecuzione; tuttavia in materia di tasse e di imposte, di dogana e di cambio l'esecuzione del mandato di arresto europeo può essere rifiutata in base al fatto che la legislazione dello Stato membro di esecuzione non impone lo stesso tipo di tasse o di imposte o non contiene lo stesso tipo di regolamenti in materia di tasse o di imposte, di dogana e di cambio della legislazione dello Stato membro emittente:
  2. se contro la persona oggetto del mandato d'arresto europeo è in corso un'azione nello Stato membro di esecuzione per il medesimo fatto che è alla base del mandato d'arresto europeo;
  3. se le autorità giudiziarie dello Stato membro di esecuzione hanno deciso di non esercitare l'azione penale per il reato oggetto del mandato d'arresto europeo oppure di porvi fine o se la persona ricercata ha formato oggetto in uno Stato membro di un'altra decisione definitiva per gli stessi fatti che osta all'esercizio di ulteriori azioni;
  4. se il reato o la pena è caduta in prescrizione secondo la legislazione dello Stato membro di esecuzione e i fatti rientrano nella competenza di tale Stato membro in virtù del proprio diritto penale;
  5. se in base ad informazioni in possesso dell'autorità giudiziaria dell'esecuzione risulta che la persona ricercata è stata giudicata con sentenza definitiva per gli stessi fatti da uno Stato terzo a condizione che, in caso di condanna, la sanzione sia stata applicata o sia in fase di esecuzione o non possa più essere eseguita in forza delle leggi dello Stato della condanna;
  6. se il mandato d'arresto europeo è stato rilasciato ai fini dell'esecuzione di una pena o di una misura di sicurezza, qualora la persona ricercata dimori o risieda nello Stato membro di esecuzione ovvero ne sia cittadino se tale Stato si impegni a eseguire esso stesso tale pena o misura di sicurezza conformemente al suo diritto interno;
  7. Se il mandato d'arresto europeo riguarda reati:
    1. che dalla legge dello Stato membro di esecuzione sono considerati commessi in tutto o in parte nel suo territorio, o in un luogo considerato come suo territorio;
    2. che sono stati commessi al di fuori del territorio dello Stato membro emittente, se la legge dello Stato membro di esecuzione non consente l'azione penale per gli stessi reati commessi al di fuori del suo territorio.
Articolo 5
Garanzie che lo Stato emittente deve fornire in casi particolari

L'esecuzione del mandato d'arresto europeo da parte dell'autorità giudiziaria dell'esecuzione può essere subordinata dalla legge dello Stato membro di esecuzione ad una delle seguenti condizioni:

  1. Se il mandato di arresto europeo è stato emesso ai fini dell'esecuzione di una pena o di una misura di sicurezza pronunciata con sentenza in contumacia, e se l'interessato non è stato chiamato a comparire di persona o informato in altro modo della data e del luogo dell'audizione che ha portato alla sentenza in contumacia, la consegna può essere subordinata alla condizione che l'autorità giudiziaria emittente fornisca assicurazioni considerate sufficienti a garantire alla persone oggetto del mandato d'arresto europeo di avere la possibilità di interporre appello o di opporsi nello Stato membro emittente e di essere presenti alla pronuncia della sentenza.
  2. Se il reato in base al quale il mandato d'arresto europeo è stato emesso è punibile con una pena o una misura di sicurezza privativa della libertà a vita, l'esecuzione del mandato d'arresto europeo può essere subordinata alla condizione che lo Stato membro emittente preveda nel suo ordinamento giuridico una revisione della pena comminata - su richiesta o entro 20 anni - oppure l'applicazione di misure di clemenza alle quali la persona ha diritto in virtù della propria legge o prassi nazionale, affinché la pena in questione non sia eseguita.
  3. Se la persona oggetto del mandato d'arresto europeo ai fini di un'azione penale è cittadino o residente dello Stato membro di esecuzione, la consegna può essere subordinata alla condizione che la persona, dopo essere stata ascoltata, sia rinviata nello Stato membro di esecuzione per scontarvi la pena o la misura di sicurezza eventualmente pronunciata nello Stato membro emittente.
Articolo 6
Determinazione delle autorità competenti
  1. L'autorità giudiziaria emittente è l'autorità giudiziaria dello Stato membro emittente che, in base alla legge di detto Stato, è competente a emettere un mandato d'arresto.
  2. L'autorità giudiziaria dell'esecuzione è l'autorità giudiziaria dello Stato membro di esecuzione che, in base alla legge di detto Stato, è competente dell'esecuzione.
  3. Ciascuno Stato membro comunica al Segretariato generale del Consiglio qual è l'autorità competente in base alla propria legge.
Articolo 7
Trasmissione del mandato d'arresto europeo
[...]

Articolo 8
Ricorso all'autorità centrale
  1. Ciascuno Stato membro può designare un'autorità centrale o, quando il suo ordinamento giuridico lo prevede, delle autorità centrali per assistere le autorità giudiziarie competenti.
  2. Uno Stato membro può, se l'organizzazione del proprio sistema giudiziario interno lo rende necessario, affidare alla propria autorità centrale la trasmissione e la ricezione amministrativa dei mandati d'arresto europei e della corrispondenza ufficiale ad essi relativa.
    Lo Stato membro che voglia avvalersi di questa possibilità comunica al Segretariato generale del Consiglio le informazioni relative all'autorità centrale. Dette indicazioni sono vincolanti per tutte le autorità dello Stato membro emittente.
Articolo 9
Contenuto e forma del mandato d'arresto europeo
  1. Il mandato d'arresto europeo contiene le informazioni seguenti, nella presentazione stabilita dal modello allegato:
    • a. identità e cittadinanza del ricercato,
    • b. il nome, l'indirizzo, il numero di telefono e di fax, l'indirizzo di posta elettronica dell'autorità giudiziaria emittente,
    • c. indicazione dell'esistenza di una sentenza esecutiva, di un mandato d'arresto o di qualsiasi altra decisione giudiziaria esecutiva che abbia la stessa forza e che rientri nel campo d'applicazione degli articoli 1 e 2,
    • d. natura e qualificazione giuridica del reato, in particolare ai sensi dell'articolo 2,
    • e. descrizione delle circostanze del reato, compresa la data, il luogo e il grado di partecipazione del ricercato,
    • f. pena inflitta, se vi è una sentenza definitiva, oppure pena minima e massima stabilita dalla legge per quel reato,
    • g. per quanto possibile, le altre conseguenze del reato,
  2. Il formulario è tradotto nella lingua ufficiale o in una delle lingue ufficiali dello Stato membro di esecuzione. Ciascuno Stato membro può al momento dell'adozione della presente decisione quadro o successivamente, attestare, in una dichiarazione depositata presso il Segretariato generale del Consiglio che accetterà una traduzione in una o più lingue ufficiali delle istituzioni delle Comunità europee.
Capo 2 - Procedura di consegna
Articolo 10
Trasmissione di un mandato d'arresto europeo
  1. Quando il luogo in cui si trova la persona è conosciuto, l'autorità giudiziaria emittente può notificare il mandato d'arresto europeo direttamente all'autorità giudiziaria dell'esecuzione.
  2. L'autorità giudiziaria emittente può, in ogni i caso, decidere di segnalare la persona ricercata nel Sistema di Informazione Schengen.
  3. Siffatta segnalazione sarà effettuata conformemente alle disposizioni dell'articolo 95 della Convenzione del 19 giugno 1990, di applicazione dell'accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni. Una segnalazione nel Sistema di Informazione Schengen equivale a un mandato d'arresto europeo corredato delle informazioni di cui all'articolo 9, paragrafo 1.
    Per un periodo transitorio, fintanto che il SIS non sarà in grado di trasmettere tutte le informazioni di cui all'articolo 9, la segnalazione equivarrà ad un mandato d'arresto europeo in attesa del ricevimento in debita forma dell'originale da parte dell'autorità giudiziaria dell'esecuzione.
Articolo 10 bis
Modalità di trasmissione di un mandato d'arresto europeo
  1. Se l'autorità giudiziaria emittente ignora quale sia l'autorità giudiziaria dell'esecuzione competente, effettua le ricerche necessarie, specie attraverso i punti di contatto della Rete giudiziaria europea, per ottenere tale informazione dallo Stato di esecuzione.
  2. Se l'autorità giudiziaria emittente lo desidera, la trasmissione può essere effettuata mediante il sistema di telecomunicazione protetto della Rete giudiziaria europea.
  3. Se non è possibile ricorrere al Sistema di Informazione Schengen, l'autorità giudiziaria emittente può fare ricorso ai servizi dell'Interpol per notificare il mandato d'arresto europeo.
  4. L'autorità giudiziaria emittente può trasmettere il mandato d'arresto europeo con qualsiasi mezzo sicuro in grado di produrre una registrazione scritta a condizioni che consentano allo Stato membro dell'esecuzione di verificarne l'autenticità.
  5. Qualsiasi difficoltà relativa alla trasmissione o all'autenticità di un documento necessario per l'esecuzione del mandato d'arresto europeo è risolta attraverso contatti diretti tra le autorità giudiziarie interessate o, se del caso, con l'intervento delle autorità centrali degli Stati membri.
  6. Se l'autorità che riceve un mandato d'arresto europeo non ha la competenza per dargli seguito, lo trasmette d'ufficio alla sua autorità nazionale competente e ne informa l'autorità giudiziaria emittente.

 

Articolo 12
Diritti del ricercato
  1. Quando il ricercato è arrestato, l'autorità competente dello Stato membro di esecuzione lo informa, in conformità con il proprio diritto interno, del mandato d'arresto europeo e del suo contenuto, nonché della possibilità di acconsentire alla propria consegna all'autorità giudiziaria emittente.
  2. Il ricercato arrestato ai fini dell'esecuzione di un mandato d'arresto europeo, ha il diritto di essere assistito da un consulente legale e da un interprete, conformemente al diritto interno dello Stato membro di esecuzione.
Articolo 13
Mantenimento in custodia

Quando una persona viene arrestata sulla base di un mandato d'arresto europeo, l'autorità giudiziaria dell'esecuzione decide se la persona debba o meno rimanere in stato di custodia conformemente al diritto interno dello Stato membro dell'esecuzione. La rimessa in libertà provvisoria è possibile in qualsiasi momento, conformemente al diritto interno, a condizione che l'autorità competente dello Stato membro di esecuzione prenda le misure che ritiene necessarie ad evitare che il ricercato si dia alla fuga.

Articolo 14
Consenso alla consegna
  1. Se l'arrestato indica di acconsentire alla propria consegna, il consenso ed eventualmente la rinuncia espressa al beneficio della regola della specialità, definita all'articolo 22, paragrafo 2, sono raccolti dall'autorità giudiziaria dell'esecuzione in conformità con il diritto interno dello Stato membro di esecuzione.
  2. Ciascuno Stato membro adotta le misure necessarie affinché il consenso ed eventualmente la rinuncia di cui al paragrafo 1 siano raccolti in condizioni dalle quali risulti che l'interessato li ha espressi volontariamente e con piena consapevolezza delle conseguenze. A tal fine il ricercato ha diritto all'assistenza di un consulente legale.
  3. Il consenso ed eventualmente la rinuncia di cui al paragrafo 1 sono verbalizzati secondo la procedura prevista dal diritto interno dello Stato membro di esecuzione.
  4. Il consenso è in linea di massima irrevocabile. Ciascuno Stato membro può prevedere la revocabilità del consenso ed eventualmente della rinuncia in conformità con le norme applicabili di diritto interno. In tal caso per fissare i termini di cui all'articolo 17 non si tiene conto del periodo che intercorre tra la data del consenso e quella della revoca. Lo Stato membro che desidera sfruttare detta possibilità ne informa il Segretariato generale del Consiglio dell'Unione europea all'atto dell'adozione della presente decisione quadro e indica le modalità in base alle quali è possibile la revoca del consenso nonché qualsiasi modifica.
Articolo 14 bis
Audizione del ricercato

Se non dà il consenso alla propria consegna di cui all'articolo 14 l'arrestato ha diritto all'audizione a cura dell'autorità giudiziaria dell'esecuzione in conformità con il diritto interno di tale Stato.

Articolo 15
Decisione sulla consegna
  1. L'autorità giudiziaria dell'esecuzione decide la consegna della persona nei termini e alle condizioni stabilite dalla presente decisione quadro.
  2. L'autorità giudiziaria dell'esecuzione che non ritiene le informazioni comunicatele dallo Stato membro emittente sufficienti per permetterle di prendere una decisione sulla consegna, richiede urgentemente le informazioni complementari necessarie segnatamente in relazione agli articoli 3, 4, 5 e 9 e può stabilire un termine per la ricezione delle stesse, tenendo conto dell'esigenza di rispettare il termine fissato all'articolo 17.
  3. L'autorità giudiziaria emittente può, in qualsiasi momento, trasmettere tutte le informazioni supplementari utili all'autorità giudiziaria dell'esecuzione.
Articolo 16
Decisione in caso di concorso di richieste
  1. Se due o più Stati membri hanno emesso un mandato di arresto europeo nei confronti della stessa persona, l'autorità giudiziaria dell'esecuzione decide quale dei mandati di arresto deve essere eseguito, tenuto debito conto di tutte le circostanze e soprattutto della gravità relativa e del luogo in cui è avvenuto il reato, delle date rispettive di emissione dei mandati di arresto europei nonché del fatto che i mandati sono stati emessi ai fini dell'azione penale o per l'esecuzione di una pena o misura privativa della libertà.
  2. L'autorità giudiziaria dell'esecuzione può rivolgersi per consulenza all'Eurojust per prendere la decisione di cui al paragrafo 1.
  3. In caso di conflitto tra un mandato di arresto europeo ed una richiesta di estradizione presentata da un paese terzo, l'autorità competente dello Stato membro di esecuzione decide se dare la precedenza al mandato di arresto europeo o alla richiesta di estradizione, tenuto debito conto di tutte le circostanze, in particolare di quelle di cui al paragrafo 1 e di quelle indicate nella convenzione applicabile.
  4. La presente disposizione lascia impregiudicati gli obblighi degli Stati membri ai sensi dello Statuto istitutivo della Corte penale internazionale.
Articolo 17
Termini e modalità della decisione
  1. Un mandato d'arresto europeo deve essere trattato ed eseguito con la massima urgenza.
  2. Nei casi in cui il ricercato acconsente alla propria consegna, la decisione definitiva sull'esecuzione del mandato d'arresto europeo dovrebbe essere presa entro 10 giorni dalla comunicazione del consenso.
  3. Negli altri casi, la decisione definitiva sull'esecuzione del mandato d'arresto europeo dovrebbe essere presa entro 60 giorni dall'arresto del ricercato.
  4. In casi particolari, se il mandato d'arresto non può essere eseguito entro i termini di cui ai paragrafi 2 e 3, l'autorità giudiziaria dell'esecuzione ne informa immediatamente l'autorità giudiziaria emittente e ne indica i motivi. In questi casi i termini possono essere prorogati di 30 giorni.
  5. Fintanto che l'autorità giudiziaria dello Stato di esecuzione non prende una decisione definitiva sull'esecuzione del mandato d'arresto, detto Stato si accerterà che siano soddisfatte le condizioni materiali necessarie per la consegna effettiva.
  6. Qualsiasi rifiuto di eseguire un mandato d'arresto europeo deve essere motivato.
  7. Se, in circostanze eccezionali, uno Stato membro non è in grado di rispettare i termini di cui al presente articolo, esso ne informa l'Eurojust, indicando i motivi del ritardo. Inoltre, uno Stato membro che ha subito ritardi ripetuti nell'esecuzione dei mandati d'arresto da parte di un altro Stato membro ne informa il Consiglio affinché sia valutata l'attuazione della presente decisione quadro a livello nazionale.
Articolo 17bis
Situazione in attesa della decisione
  1. Se il mandato d'arresto europeo è stato emesso sulla base di una decisione giudiziaria esecutiva diversa da una sentenza definitiva, l'autorità giudiziaria dell'esecuzione deve:
    • accettare che si proceda all'audizione del ricercato, ai sensi dell'articolo 17 ter;
    • o accettare il trasferimento temporaneo del ricercato.
  2. Le condizioni e la durata del trasferimento temporaneo sono definite di comune accordo tra l'autorità giudiziaria emittente e l'autorità giudiziaria dell'esecuzione.
  3. In caso di trasferimento temporaneo, la persona deve poter tornare nello Stato di esecuzione per assistere alle udienze che la riguardano nel quadro della procedura di consegna.
Articolo 17 ter
Audizione della persona in attesa della decisione
  1. L'audizione è effettuata da un'autorità giudiziaria, assistita da un'altra persona designata conformemente alla legislazione dello Stato membro dell'autorità giudiziaria richiedente.
  2. L'audizione del ricercato è effettuata conformemente alla legislazione dello Stato di esecuzione e le condizioni determinate di comune accordo dall'autorità giudiziaria emittente e l'autorità giudiziaria dell'esecuzione.
  3. L'autorità dell'esecuzione competente può incaricare un organo giurisdizionale del proprio Stato membro di partecipare all'audizione del ricercato al fine di garantire una corretta applicazione del presente articolo e delle condizioni precedentemente stabilite.
Articolo 17 quater
Privilegi e immunità
  1. Se il ricercato beneficia di un privilegio o di un'immunità nello Stato membro di esecuzione, il termine di cui all'articolo 17 comincia a decorrere solo se e a partire dal giorno in cui l'autorità giudiziaria dell'esecuzione è stata informata del fatto che tale privilegio o immunità è revocato. Se la persona non beneficia di un'immunità di esecuzione , lo Stato membro di esecuzione si accerterà che siano soddisfatte le condizioni materiali necessarie per la consegna effettiva.
  2. Se la revoca del privilegio o dell'immunità compete ad un'autorità dello Stato membro di esecuzione, l'autorità giudiziaria dell'esecuzione le inoltra prontamente la richiesta. Se è invece competente un'autorità di un altro Stato o organizzazione internazionale, spetta all'autorità giudiziaria emittente farne richiesta.
Articolo 17 quinquies
Conflitto di obblighi internazionali

La presente decisione quadro non pregiudica gli obblighi dello Stato membro di esecuzione qualora il ricercato vi sia stato estradato da uno Stato terzo e sia tutelato dalle norme in materia di specialità contenute nell'accordo in virtù del quale ha avuto luogo l'estradizione. Lo Stato membro di esecuzione prende tutte le misure necessarie per chiedere immediatamente l'assenso dello Stato dal quale il ricercato è stato estradato in modo che questi possa essere consegnato allo Stato membro emittente. Il termine di cui all'articolo 17 comincia a decorrere solo dal giorno in cui dette norme in materia di specialità cessano di essere applicate. In attesa della decisione dello Stato da cui il ricercato è stato estradato, lo Stato membro di esecuzione si accerterà che siano soddisfatte le condizioni materiali necessarie per la consegna effettiva.

Articolo 17 sexies
Notifica della decisione

L'autorità giudiziaria dell'esecuzione notifica immediatamente all'autorità giudiziaria emittente la decisione riguardante il seguito dato al mandato d'arresto europeo.

Articolo 18
Termine per la consegna
  1. Il ricercato è consegnato al più presto, a una data concordata tra le autorità interessate.
  2. Egli è consegnato al più tardi entro dieci giorni a partire dalla decisione di eseguire il mandato d'arresto europeo.
  3. Nel caso in cui la consegna del ricercato entro il termine di cui al paragrafo 2 sia impedita da cause di forza maggiore per uno degli Stati membri interessati, l'autorità giudiziaria dell'esecuzione e l'autorità giudiziaria emittente si contattano immediatamente e concordano una nuova data per la consegna. In tal caso, la consegna avviene entro i dieci giorni successivi alla nuova data concordata.
  4. La consegna può, a titolo eccezionale, essere temporaneamente differita per gravi motivi umanitari, ad esempio se vi sono valide ragioni di ritenere che essa metterebbe manifestamente in pericolo la vita o la salute del ricercato. Il mandato d'arresto europeo viene eseguito non appena tali motivi non sussistono più. L'autorità giudiziaria dell'esecuzione ne informa immediatamente l'autorità giudiziaria emittente e concorda una nuova data per la consegna. In tal caso, la consegna avviene entro i dieci giorni successivi alla nuova data concordata.
  5. Allo scadere dei termini previsti ai paragrafi da 2 a 4, se la persona continua a trovarsi in stato di custodia, essa è rilasciata.
Articolo 19
Consegna rinviata o condizionale
  1. L'autorità giudiziaria dell'esecuzione può, dopo aver deciso l'esecuzione del mandato d'arresto europeo, rinviare la consegna del ricercato affinché questi possa essere sottoposto a procedimento penale nello Stato di esecuzione o, se è già stato condannato, affinché possa scontare nel suo territorio una pena prevista per un reato diverso da quello oggetto del mandato d'arresto europeo.
  2. Invece di rinviare la consegna, l'autorità giudiziaria dell'esecuzione può, a titolo temporaneo, consegnare allo Stato membro emittente il ricercato, secondo condizioni da determinare di comune accordo tra l'autorità giudiziaria dell'esecuzione e l'autorità giudiziaria emittente. Tale intesa è confermata per iscritto e le condizioni sono vincolanti per tutte le autorità dello Stato membro emittente.
Articolo 20
Transito
  1. Ciascuno Stato membro permette, salvo che si avvalga della possibilità di rifiutare qualora il transito di un cittadino o un residente sia richiesto ai fini dell'esecuzione di una sentenza, il transito attraverso il suo territorio di un ricercato che deve essere consegnato, purché abbia ricevuto informazioni circa:
    • l'identità e la cittadinanza della persona oggetto del mandato d'arresto europeo,
    • l'esistenza di un mandato d'arresto europeo,
    • la natura e la qualificazione giuridica del reato,
    • la descrizione delle circostanze del reato, compresi la data ed il luogo.

      Se la persona oggetto del mandato d'arresto europeo ai fini di un'azione penale è cittadino o residente dello Stato membro di transito, il transito può essere subordinato alla condizione che la persona, dopo essere stata ascoltata, sia rinviata nello Stato membro di transito per scontarvi la pena o la misura di sicurezza pronunciata nello Stato membro emittente.
  2. Ciascuno Stato membro designa un'autorità competente per la ricezione delle richieste di transito, dei documenti necessari e di qualsiasi altra corrispondenza ufficiale ad esse relativa. Gli Stati membri comunicano tale designazione al Segretariato generale del Consiglio.
  3. La richiesta di transito e le informazioni di cui al paragrafo 1 possono essere trasmesse all'autorità designata ai sensi del paragrafo 2 con qualsiasi mezzo che consenta di conservarne una traccia scritta. Lo Stato membro di transito rende nota la sua decisione con la medesima procedura.
  4. La presente decisione quadro non si applica, se sono utilizzate le vie aeree senza previsione di scalo. Tuttavia, in caso di atterraggio non programmato, lo Stato membro richiedente fornisce all'autorità designata ai sensi del paragrafo 2 le informazioni di cui al paragrafo 1.
  5. Se un transito riguarda una persona che deve essere estradata da uno Stato terzo verso uno Stato membro il presente articolo è applicabile mutatis mutandis. In particolare, l'espressione "mandato d'arresto europeo" sarà sostituita dai termini "richiesta di estradizione".
Capo 3 - Effetti della consegna
Articolo 21
Deduzione del periodo di custodia scontato nello Stato di esecuzione
  1. Lo Stato membro emittente deduce il periodo complessivo di custodia che risulta dall'esecuzione di un mandato d'arresto europeo dalla durata totale della detenzione che dovrà essere scontata nello Stato emittente in seguito alla condanna a una pena o a una misura privativa della libertà.
  2. A tal fine l'autorità giudiziaria dell'esecuzione o l'autorità centrale designata ai sensi dell'articolo 8 trasmette all'autorità giudiziaria emittente, all'atto della consegna, tutte le informazioni relative alla durata del periodo di custodia del ricercato in base al mandato d'arresto europeo.
Articolo 22
Eventuali azioni penali per altri reati
  1. Ogni Stato membro può notificare al Segretariato generale del Consiglio dell'Unione europea che nei suoi rapporti con altri Stati membri che hanno effettuato la stessa notifica si presume che sia stato accordato l'assenso all'azione penale, alla condanna o alla detenzione ai fini dell'esecuzione di una pena o di una misura privativa della libertà per eventuali reati anteriori alla consegna diversi da quello per cui è stato consegnato salvo che in un caso specifico l'autorità giudiziaria dell'esecuzione faccia una diversa dichiarazione nella sua decisione relativa alla consegna.
  2. Salvo il caso previsto ai paragrafi 1 e 3, la persona non è sottoposta a un procedimento penale, condannata o altrimenti privata della libertà per eventuali reati anteriori alla consegna diversi da quello per cui è stata consegnata.
  3. Il paragrafo 2 non si applica nei casi seguenti:
    a) quando, pur avendo avuto l'opportunità di farlo, il ricercato non ha lasciato il territorio dello Stato membro al quale è stato consegnato nei 45 giorni successivi alla scarcerazione definitiva oppure vi ha fatto ritorno dopo averlo lasciato;
    b) il reato non è punibile con una misura privativa della libertà;
    c) il procedimento penale non dà luogo all'applicazione di una misura restrittiva della libertà personale;
    d) qualora il ricercato sia soggetto ad una pena o misura che non implichi la privazione della libertà, ivi inclusa una misura pecuniaria, anche se può restringere la sua libertà personale;
    e) qualora il ricercato abbia acconsentito alla propria consegna, oltre a rinunciare, se del caso, alla regola della specialità, in conformità dell'articolo 14;
    f) qualora, dopo essere stato consegnato, il ricercato abbia espressamente rinunciato a beneficiare della regola della specialità rispetto a particolari reati anteriori alla sua consegna. Tale rinuncia è raccolta dalle competenti autorità giudiziarie dello Stato membro emittente e verbalizzata in conformità con il diritto interno di quest'ultimo. Essa è formulata in maniera da farne risultare che l'interessato l'ha espressa volontariamente e con piena consapevolezza delle conseguenze. A tal fine il ricercato ha diritto alla consulenza legale.
    g) Qualora l'autorità giudiziaria dell'esecuzione che ha consegnato il ricercato dia il suo assenso in conformità del paragrafo 4.
  4. La richiesta di assenso è presentata dall'autorità giudiziaria dell'esecuzione, corredata delle informazioni di cui all'articolo 9, paragrafo 1 nonché di una traduzione. L'assenso è accordato qualora il reato per cui è richiesto dia esso stesso luogo a consegna conformemente al disposto della presente decisione quadro. L'assenso è rifiutato per i motivi di cui all'articolo 3 e, altrimenti, può essere rifiutato soltanto per i motivi di cui all'articolo 4. Per le situazioni di cui all'articolo 5 lo Stato emittente deve fornire le stesse garanzie. La decisione interviene entro i trenta giorni dal ricevimento della richiesta.
Articolo 23
Consegna o estradizione successiva
  1. Ogni Stato membro può notificare al Segretariato generale del Consiglio che nei suoi rapporti con altri Stati membri che hanno effettuato la stessa notifica si presume che sia stato accordato l'assenso per la consegna ad uno Stato membro diverso dallo Stato membro di esecuzione a seguito di un mandato d'arresto europeo emesso per un reato anteriore alla sua consegna, salvo che in un caso specifico l'autorità giudiziaria dell'esecuzione faccia una diversa dichiarazione nella sua decisione relativa alla consegna.
  2. Una persona consegnata allo Stato membro emittente a seguito di un mandato d'arresto europeo può comunque essere consegnata senza l'assenso dello Stato membro di esecuzione ad uno Stato membro diverso dallo Stato di esecuzione a seguito di un mandato d'arresto europeo emesso per un reato anteriore alla sua consegna nei casi seguenti:
    a) quando, pur avendo avuto l'opportunità di farlo, il ricercato non ha lasciato il territorio dello Stato al quale è stato consegnato nei 45 giorni successivi alla sua scarcerazione definitiva oppure vi ha fatto ritorno dopo averlo lasciato;
    b) qualora il ricercato consenta ad essere consegnato ad uno Stato membro diverso dallo Stato membro di esecuzione a seguito di un mandato d'arresto europeo. Il consenso è raccolto dalle autorità giudiziarie competenti dello Stato membro emittente e verbalizzato in conformità con il diritto interno di quest'ultimo. Esso è formulato in maniera da fare risultare che l'interessato l'ha espresso volontariamente e con piena consapevolezza delle conseguenze. A tal fine il ricercato ha diritto alla consulenza legale;
    c) allorché il ricercato non beneficia della regola della specialità, in conformità dell'articolo 22, paragrafo 3, lettere a), e), f) e g).
  3. L'autorità giudiziaria dell'esecuzione che ha consegnato il ricercato dà il suo assenso alla consegna ad un altro Stato membro secondo le seguenti regole. La richiesta di assenso è presentata in conformità dell'articolo 10, corredata delle informazioni di cui all'articolo 9, paragrafo 1 nonché di una traduzione, come previsto all'articolo 9, paragrafo 2. L'assenso è accordato qualora il reato per cui è richiesto dia esso stesso luogo a consegna conformemente al disposto della presente decisione quadro. La decisione interviene entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. L'assenso è rifiutato per i motivi di cui all'articolo 3 e può essere altrimenti rifiutato soltanto per i motivi di cui all'articolo 4. Per le situazioni di cui all'articolo 5 lo Stato membro emittente deve fornire le stesse garanzie.
  4. In deroga al paragrafo 1, la persona che è stata consegnata a seguito di un mandato d'arresto europeo non è estradata verso un paese terzo senza l'assenso delle autorità competenti dello Stato membro che ha provveduto alla consegna del ricercato. L'assenso è accordato in conformità delle convenzioni che vincolano lo Stato membro che ha provveduto alla consegna del ricercato, nonché della legislazione nazionale del medesimo.
Articolo 23 bis
Consegna di beni
  1. L'autorità giudiziaria dell'esecuzione, in conformità della legislazione nazionale e a richiesta dell'autorità giudiziaria emittente o di sua iniziativa confisca e consegna beni che:
    a)possono essere necessari come prova, ovvero
    b)sono stati acquisiti dal ricercato a seguito del reato.
  2. I beni di cui al paragrafo 1 sono consegnati anche se il mandato d'arresto europeo non può essere eseguito a motivo del decesso o della fuga del ricercato.
  3. Se i beni di cui al paragrafo 1 sono passibili di sequestro o confisca nel territorio dello Stato membro di esecuzione, quest'ultimo può, qualora i beni siano necessari in relazione ad un procedimento penale in corso, disporre che siano temporaneamente bloccati o consegnarli allo Stato membro emittente a condizione che siano successivamente restituiti.
  4. Sono fatti salvi gli eventuali diritti sui beni di cui al paragrafo 1 acquisiti dallo Stato membro di esecuzione o da terzi. Ove tali diritti sussistano, lo Stato membro emittente restituisce i beni in questione, senza alcun onere, allo Stato membro di esecuzione quanto prima possibile dopo il processo.
Articolo 23 ter
Spese
  1. Le spese sostenute sul territorio dello Stato membro di esecuzione per l'esecuzione del mandato d'arresto europeo sono a carico di detto Stato membro.
  2. Tutte le altre spese, comprese le spese di trasporto e le spese connesse con il transito attraverso il territorio di un paese terzo, sono a carico dello Stato membro emittente.
Capo 4 - Disposizioni generali e finali

 

Articolo 25
Relazioni con gli altri strumenti giuridici
  1. Fatta salva la loro applicazione nelle relazioni tra Stati membri e paesi terzi, le disposizioni contenute nella presente decisione quadro sostituiscono, al 1° gennaio 2004, le corrispondenti disposizioni delle convenzioni applicabili in materia di estradizione nelle relazioni tra gli Stati membri:
    a) convenzione europea di estradizione del 13 dicembre 1957, il relativo protocollo addizionale del 15 ottobre 1975, il relativo secondo protocollo aggiuntivo del 17 marzo 1978 e la convenzione europea per la repressione del terrorismo del 27 gennaio 1977 per la parte concernente l'estradizione;
    b) accordo tra gli Stati membri delle Comunità europee sulla semplificazione e la modernizzazione delle modalità di trasmissione delle domande di estradizione del 26 maggio 1989;
    c) convenzione relativa alla procedura semplificata di estradizione tra gli Stati membri dell'Unione europea del 10 marzo 1995; e
    d) convenzione relativa all'estradizione tra gli Stati membri dell'Unione europea del 27 settembre 1996;
    e) titolo III, capitolo 4 della convenzione del 19 giugno 1990 di applicazione dell'accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni.
  2. Gli Stati membri possono continuare ad applicare gli accordi o intese bilaterali o multilaterali vigenti al momento dell'adozione della presente decisione quadro nella misura in cui questi consentono di andare oltre gli obiettivi di quest'ultima e contribuiscono a semplificare o agevolare ulteriormente la consegna del ricercato.
    Gli Stati membri possono concludere accordi o intese bilaterali o multilaterali dopo l'entrata in vigore della decisione quadro nella misura in cui questi consentono di andare oltre alle disposizioni di quest'ultima e contribuiscono a semplificare o agevolare ulteriormente la consegna del ricercato, segnatamente fissando termini più brevi di quelli dell'articolo 17, estendendo l'elenco dei reati di cui all'articolo 2, paragrafo 2, riducendo ulteriormente i motivi di rifiuto di cui agli articoli 3 e 4 o abbassando la soglia di cui all'articolo 2, paragrafo 1 o 2.
    Gli accordi di cui al comma precedente non possono in alcun caso pregiudicare le relazioni con gli Stati membri che non sono parti degli stessi.
    Gli Stati membri comunicano al Consiglio e alla Commissione entro tre mesi dall'entrata in vigore della presente decisione quadro gli accordi esistenti di cui al primo comma che vogliono continuare ad applicare.
    Gli Stati membri comunicano inoltre al Consiglio e alla Commissione, entro tre mesi dalla firma, i nuovi accordi di cui al secondo comma.
  3. Laddove le convenzioni di cui al paragrafo 1 si applichino a territori degli Stati membri ovvero a territori per i quali uno Stato membro si assume la competenza per le relazioni esterne, ai quali non si applica la presente decisione quadro, le convenzioni di cui al paragrafo 1 continuano a disciplinare le relazioni esistenti tra tali territori e gli altri Stati membri.
Articolo 26
Disposizione transitoria
  1. Le richieste di estradizione ricevute anteriormente al 1º gennaio 2004 continueranno ad essere disciplinate dagli strumenti esistenti in materia di estradizione. Le richieste ricevute successivamente al 1º gennaio 2004 saranno soggette alle norme adottate dagli Stati membri conformemente alla presente decisione quadro. Tuttavia ogni Stato membro può, al momento dell'adozione della presente decisione quadro da parte del Consiglio, fare una dichiarazione secondo cui in qualità di Stato dell'esecuzione esso continuerà a trattare le richieste relative a reati commessi prima di una data da esso precisata conformemente al sistema di estradizione applicabile anteriormente al 1º gennaio 2004. La data in questione no può essere posteriore alla data di entrata in vigore della presente decisione quadro ai sensi dell'articolo 28. Tutte le dichiarazioni a tale proposito saranno pubblicate nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee e possono essere ritirate in qualsiasi momento.
  2. Fintanto che l'Austria non avrà modificato l'articolo 12, paragrafo 1 della "Auslieferungs- und Rechtshilfegesetz" e, al più tardi, sino al 31 dicembre 2008, l'Austria può autorizzare le sue autorità giudiziarie dell'esecuzione a rifiutarsi di eseguire un mandato d'arresto europeo se il ricercato è un cittadino austriaco e se il reato per cui il mandato d'arresto europeo è stato emesso non è punibile a norma della legislazione austriaca.
Articolo 27
Attuazione

Gli Stati membri adottano le disposizioni necessarie per conformarsi alla presente decisione quadro entro il 31 dicembre 2003.

Essi trasmettono al Consiglio e alla Commissione il testo delle disposizioni adottate al fine di conformarsi alla presente decisione quadro. Nel procedere in tal senso ciascuno Stato membro può indicare che applicherà immediatamente la presente decisione quadro nelle relazioni con gli Stati membri che hanno effettuato la stessa notifica.

Il Segretariato generale del Consiglio comunica agli Stati membri e alla Commissione le informazioni ricevute a norma dell'articolo 8, paragrafo 2, dell'articolo 9, paragrafo 2, dell'articolo 14, paragrafo 4 e dell'articolo 20, paragrafo 2. Provvederà inoltre alla pubblicazione di tali informazioni nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.

La Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio, entro il 31 dicembre 2004, una relazione sull'applicazione della presente decisione quadro accompagnata, se opportuno, da proposte legislative.

Nel secondo semestre del 2003 il Consiglio riesamina l'attuazione della presente decisione quadro negli Stati membri nonché il funzionamento del sistema di informazione Schengen.

Il Consiglio valuta in che misura gli Stati membri si sono conformati alla presente decisione quadro.

Articolo 28
Entrata in vigore

La presente decisione quadro entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.

Fatto a Bruxelles, addì [...]

Per il Consiglio

Il Presidente


Visite: 6781 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca