Home arrow LAVORO arrow In flash arrow Nel pubblico impiego l'utilizzo della graduatoria di un conc...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

NEL PUBBLICO IMPIEGO L'UTILIZZO DELLA GRADUATORIA DI UN CONCORSO PER LA COPERTURA DI POSTI RESISI VACANTI IN UN MOMENTO SUCCESSIVO HA CARATTERE ECCEZIONALE - E non è obbligatorio per l'amministrazione (Cassazione Sezione Lavoro n. 26166 del 14 dicembre 2009, Pres. Battimiello, Rel. Picone).

Nel settore del pubblico impiego l'istituto dell'utilizzazione di una graduatoria per la copertura di posti resisi successivamente vacanti (cioè dopo la chiusura delle operazioni concorsuali con l'approvazione della graduatoria) ha carattere eccezionale rispetto alla comune regola per cui i posti devono essere coperti - previo apposito concorso - dai vincitori della procedura; pertanto, può trovare applicazione quando sussistono alcuni presupposti (validità della graduatoria e preventiva verifica della pubblica amministrazione dei carichi di lavoro e della determinazione della dotazione organica). Esso però non è obbligatorio per l'amministrazione, neanche quando ne ricorrano i presupposti, trattandosi di una scelta facoltativa e relativa all'esercizio della discrezionalità sull'attuazione dell'interesse pubblico realizzabile nella singola fattispecie.


Visite: 4957 | Preferiti (1)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca