Home arrow LAVORO arrow In flash arrow Nei contratti a termine l'enunciazione dell'esigenza di sost...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

NEI CONTRATTI A TERMINE L'ENUNCIAZIONE DELL'ESIGENZA DI SOSTITUIRE LAVORATORI ASSENTI DEVE ESSERE INTEGRATA DA ELEMENTI ULTERIORI - In base al decreto legislativo n. 368 del 2001 (Cassazione Sezione Lavoro n. 1577 del 26 gennaio 2010, Pres. De Luca, Rel. Mammone).

Il decreto legislativo n. 368 del 2001, che consente le assunzioni a tempo determinato anche per ragioni di carattere sostitutivo, prevede che tali ragioni debbano essere specificate nel contratto. L'onere di specificazione della causale nell'atto scritto costituisce una perimetrazione della facoltà riconosciuta al datore di lavoro di far ricorso al contratto di lavoro a tempo determinato per soddisfare una vasta gamma di esigenze aziendali (di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o aziendale) a prescindere da fattispecie predeterminate dalla legge. Tale onere ha l'evidente scopo di evitare l'uso indiscriminato dell'istituto per fini solo nominalmente riconducibili alle esigenze riconosciute dalla legge, imponendo la riconoscibilità e la verificabilità della motivazione addotta già nel momento della stipula del contratto. D'altro canto, tuttavia, proprio il venir meno del sistema delle fattispecie legittimanti (seguito della precedente legislazione) impone che il concetto di specificità sia collegato a situazioni aziendali non più standardizzate ma obiettive, con riferimento alle realtà specifiche in cui il contratto viene ad essere calato. Il concetto di specificità in questione risente, dunque, di un certo grado di elasticità che, in sede di controllo giudiziale, deve essere valutato dal giudice secondo criteri di congruità e ragionevolezza. Con riferimento specifico alle ragioni di carattere sostitutivo, pertanto, il contratto a termine se in una situazione aziendale elementare è configurabile come strumento idoneo a consentire la sostituzione di un singolo lavoratore addetto a specifica e ben determinata mansione, allo stesso modo in una situazione aziendale complessa è configurabile come strumento di inserimento del lavoratore assunto in un processo in cui la sostituzione sia riferita non ad una singola persona, ma ad una funzione produttiva specifica che sia occasionalmente scoperta.

In quest'ultimo caso, il requisito della specificità può ritenersi soddisfatto non tanto con l'indicazione nominativa del lavoratore o dei lavoratori sostituiti, quanto con la verifica della corrispondenza quantitativa tra il numero dei lavoratori assunti con contratto a termine per lo svolgimento di una data funzione aziendale e le scoperture che per quella stessa funzione si sono realizzate per il periodo dell'assunzione. In proposito la sentenza della Corte Costituzionale n. 214 del 2009 ha affermato che l'onere di specificazione delle ragioni sostitutive impone che dal contratto risulti per iscritto anche il nome del lavoratore sostituito e la causa della sua sostituzione. Questa decisione deve essere interpretata nel senso che l'apposizione del termine per "ragioni sostitutive" è legittima se l'enunciazione dell'esigenza di sostituire lavoratori assenti - da sola insufficiente ad assolvere l'onere di specificazione delle ragioni stesse - risulti integrata dall'indicazione di elementi ulteriori (quali, l'ambito territoriale i riferimenti, il luogo della prestazione lavorativa, le mansioni dei lavoratori da sostituire, il diritto degli stessi alla conservazione del posto di lavoro) che consentano di determinare il numero dei lavoratori da sostituire, ancorché non identificati nominativamente, ferma restando in ogni caso la verificabilità circa la sussistenza effettiva del presupposto di legittimità prospettato.


Visite: 3997 | Preferiti (6)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca