Home arrow Attualitą, opinioni e commenti arrow Miti da sfatare o ridimensionare sulla giustizia civile ita...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Attualitą, opinioni e commenti Stampa E-mail

MITI DA SFATARE O RIDIMENSIONARE SULLA GIUSTIZIA CIVILE ITALIANA - Un documento del Ministero: il tasso di litigiosità italiano è allineato a quello medio europeo.

Roma, 11 maggio 2015. I miti da sfatare o da ridimensionare sulla giustizia italiana formano oggetto di un capitolo di un documento recentemente ultimato dalla direzione dell'organizzazione giudiziaria del Ministero di cui è titolare Mario Barbuto. Nell'ordine i miti esplorati sono:

1.      La colpa è della litigiosità

-            E' effettivamente molto diversa tra i bacini di competenza dei vari tribunali, ma non risulta correlata con la performance;

-            il tasso di litigiosità italiano è allineato a quello medio europeo, in particolare, assieme a quello francese è il più basso tra i paesi latini.

2.      Mancano le risorse (umane)

-            Il dimensionamento delle piante organiche non è stato un tema di indagine, tuttavia emerge certamente un elevato livello di scoperture;

-            le analisi condotte su un unico anno dimostrano che non c'è stretta correlazione tra scoperture di organico e basse performance (e viceversa). Il che sembra dimostrare che è possibile un miglioramento basato su logiche organizzative;

-            tuttavia, poiché si ritiene che l'analisi delle risorse, sia umane che materiali, andrebbe condotta su un arco temporale più lungo e in modo più analitico e puntuale, si preferisce non pronunciare conclusioni su questo aspetto.

3.      La performance dipende dal mix delle cause

-            L'analisi statistica dimostra che è vero tendenzialmente, ma molte eccezioni non confermano la correlazione sistematica

4.      I migliori sono piccoli tribunali con bassi carichi:

-            Falso: la distribuzione per fascia dimensionale dei migliori tribunali è molto simile a quella nazionale.

5.      Esiste una «questione meridionale» nella performance dei tribunali

-            Abbastanza vero, ma lo studio delle eccezioni dimostra che la leadership può determinare risultati di eccellenza anche al sud.

Sintesi delle conclusioni

L'analisi della performance della giustizia civile si è concentrata su circa 2 milioni di cause complesse (contenzioso di tribunale) su un totale di 5 milioni di pendenti di ogni grado e ufficio.

Questa analisi dimostra che, anche se in lieve miglioramento, la performance complessiva continua ad essere lontana dai riferimenti europei:

-            miglioramento di 5% all'anno negli ultimi 5 anni;

-            ma, a livello medio, una durata di 2 anni e mezzo in 1°grado e quasi 9 anni con la cassazione;

-            molto lontani dai benchmark internazionali.

Inoltre, la variabilità della performance tra i 139 tribunali è molto alta.

Le esperienze di alcuni tribunali dimostrano che adottando nuovi principi organizzativi è possibile migliorare anche a parità di altre condizioni di contorno.

Per ottenere un veloce miglioramento è opportuno che il Ministero e il CSM interagiscano nel varare una efficace «delivery unit».


Visite: 4424 | Nessun commento | Preferiti (0)




Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti registrati possono commentare un'articolo.

Nessun commento inserito per questo articolo

 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca