Legge e giustizia: domenica 15 dicembre 2019

Pubblicato in : Lavoro, In flash

LA CONTESTAZIONE DISCIPLINARE E' TEMPESTIVA SE AVVIENE QUANDO I FATTI APPAIONO RAGIONEVOLMENTE SUSSISTENTI - In base all'art. 7 St. Lav. (Cassazione Sezione Lavoro n. 28448 del 28 novembre 2008, Pres. De Luca, Rel. Ianniello).

Con riguardo alla regola della tempestività delle contestazioni disciplinari, va applicato il seguente principio di diritto: "In materia di contestazione disciplinare di cui all'art. 7, 2° comma, della legge 20 maggio 1970 n. 300, la tempestività della stessa va valutata con riguardo al momento in cui i fatti da contestare appaiano ragionevolmente sussistenti, nell'interesse, da un lato, del datore di lavoro a promuovere il procedimento disciplinare una volta acquisiti importanti elementi di fatto della vicenda e dall'altro, del lavoratore al più rapido avvio del procedimento, a tutela della integrità delle proprie difese e per evitare il perpetuarsi di una situazione di incertezza in ordine alla sorte del rapporto di lavoro."


© 2007 www.legge-e-giustizia.it