Legge e giustizia: mercoledý 29 gennaio 2020

Pubblicato in : Lavoro, In flash

IL RIASSETTO ORGANIZZATIVO DELL'IMPRESA PUO' GIUSTIFICARE IL LICENZIAMENTO - Sempre che ne risulti l'effettività (Cassazione Sezione Lavoro n. 23222 del 17 novembre 2010, Pres. Vidiri, Rel. Bandini).

Nella nozione di giustificato motivo oggettivo di licenziamento è riconducibile anche l'ipotesi del riassetto organizzativo dell'azienda attuato al fine di una più economica gestione di essa e deciso dall'imprenditore non semplicemente per un incremento del profitto, ma per far fronte a sfavorevoli situazioni, non meramente contingenti, influenti in modo decisivo sulla normale attività produttiva ed imponenti un'effettiva necessità di riduzione dei costi; tale motivo oggettivo è rimesso alla valutazione del datore di lavoro, senza che il giudice possa sindacare la scelta dei criteri di gestione dell'impresa, atteso che tale scelta è espressione della libertà di iniziativa economica tutelata dall'art. 41 della Costituzione, mentre al giudice spetta il controllo della reale sussistenza del motivo addotto dall'imprenditore. Conseguentemente non è sindacabile nei suoi profili di congruità ed opportunità la scelta imprenditoriale che abbia comportato la soppressione del settore lavorativo o del reparto o del posto cui era addetto il lavoratore licenziato, sempre che risulti l'effettività e la non pretestuosità del riassetto organizzativo operato.


© 2007 www.legge-e-giustizia.it