Legge e giustizia: marted́ 19 settembre 2017

Pubblicato in : Lavoro, In flash

L'ANOMALIA MOTIVAZIONALE E' UNA VIOLAZIONE DI LEGGE COSTITUZIONALMENTE RILEVANTE - Per effetto della riforma (Cassazione Sezione Lavoro n. 476 del 11 gennaio 2017, Pres. Napoletano , Rel. Leo).

Invero, come sottolineato dalle Sezioni Unite della Suprema Corte (con la sentenza n. 8053 del 2014), per effetto della riforma del 2012, per un verso, è denunciabile in Cassazione solo l'anomalia motivazionale che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante, in quanto attinente all'esistenza della motivazione in sé, purché il vizio risulti dal testo della sentenza impugnata, a prescindere dal confronto con le risultanze processuali (tale anomalia si esaurisce nella "mancanza assoluta di motivi sotto l'aspetto materiale e grafico", nella "motivazione apparente", nel "contrasto irriducibile tra affermazioni inconciliabili" e nella "motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile", esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di "sufficienza" della motivazione); per l'altro verso, è stato introdotto nell'ordinamento un vizio specifico denunciabile per cassazione, relativo all'omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe determinato un esito diverso della controversia).


© 2007 www.legge-e-giustizia.it